RECENSIONI E OPINIONI DI ESPERTI Hostinger

Ben Sarid
Ben Sarid
Esperto di web hosting

Quando ho sentito parlare per la prima volta dei piani di hosting a basso costo di Hostinger non ero proprio sicuro di potermi fidare. Quando un servizio è tanto economico, in genere non ci si può aspettare poi molto. Ho quindi deciso di costruire un sito web vero e proprio per testare le prestazioni di Hostinger durante tre mesi. Quel che ho scoperto mi ha lasciato piuttosto sorpreso.

Panoramica

Hostinger

Un incredibile affare o un servizio di livello basso come il suo prezzo?

Quando si parla di web hosting, Hostinger è semplicemente l’opzione più economica disponibile oggi, con prezzi a partire da $0.99 al mese. Nessun’altra azienda ci si avvicina: la maggior parte offre il piano di base con un prezzo che è cinque volte tanto.

Se pensi che ci sia un trucco, non è così; ma ora ti svelerò un piccolo segreto. Per ottenere i prezzi migliori, dovrai impegnarti con Hostinger per qualche anno.

Sarebbe una mossa intelligente, sempre che il servizio sia davvero ottimo. Perché ai visitatori del tuo sito non importa mica quanto paghi per l’hosting. Loro si preoccupano se le velocità di caricamento sono basse e se possono raggiungere il tuo sito ogni volta che ne hanno bisogno.  Vogliono anche sapere che i loro dati personali resteranno sicuri e protetti.

Hostinger può offrire tutto questo? Io ho le mie opinioni in merito, ma non volevo certo basare tutta una recensione solo sulla mia visione. Dato che Website Planet è disponibile in tante lingue diverse, risulta che abbiamo esperti di web hosting sparsi in tutto il mondo. Avevo quindi l’opportunità unica di effettuare un test su larga scala, e non me la sono lasciata sfuggire.

Abbiamo fatto iscrivere a Hostinger 30 dei nostri esperti, quindi abbiamo lanciato una versione locale del nostro sito web di test in 30 Paesi diversi. Ognuno nel proprio Paese, abbiamo testato tutte le funzionalità disponibili, abbiamo monitorato le velocità di caricamento e le prestazioni e abbiamo persino inviato diverse domande al supporto clienti. Abbiamo anche confrontato i risultati con altri provider di hosting ben noti, come SiteGround e InterServer.

La risposta rapida ad ogni domanda è che le prestazioni di Hostinger sono state notevoli. In alcuni Paesi, come in Russia, è arrivato in 4a posizione. In altri, come in Israele, Hostinger ha conquistato il primo posto.

Continua a leggere per conoscere la risposta più lunga. Ho descritto in dettaglio la mia intera esperienza personale con Hostinger e ti spiegherò esattamente come sfruttare al meglio l’offerta di questa azienda. Per conoscere le performance di Hostinger in confronto ad altri servizi, consulta la nostra lista dei migliori web hosting.

Caratteristiche

4.2

Tutto ciò di cui un principiante ha bisogno

Con prezzi così bassi, ho immediatamente identificato due aree in cui Hostinger potrebbe cercare di ingannarmi: funzionalità e prestazioni. Certo, mi piacerebbe pagare la metà di quanto chiedono i concorrenti, ma non voglio certo ottenere un servizio che è buono solo la metà degli altri.

Per fortuna, non è stato affatto così: i piani di Hostinger includono tutto ciò che serve, da abbondanza di risorse a strumenti per il miglioramento delle prestazioni.

Sono disponibili tre piani di hosting condiviso: Single, Premium e Business. Tutti e tre si gestiscono con il pannello di controllo di Hostinger, hPanel, che include facili installazioni automatiche di WordPress e di decine di altri sistemi di gestione di contenuti (CMS).

Ho sottoscritto il piano di base, che include 10 GB di spazio su disco, 100 GB di larghezza di banda, 1 account di posta elettronica e il supporto per un solo sito web. Si tratta di risorse sufficienti per costruire un sito web di tutto rispetto. Ad esempio, si potrebbero ospitare centinaia di pagine e migliaia di immagini in HD. È sicuramente abbastanza per sfoggiare i tuoi scritti, la tua creatività, i tuoi prodotti, servizi o qualsiasi altra cosa tu abbia in mente.

Hostinger
Non è fantastico quando anche il piano di hosting di base è pieno di ottime funzionalità?

I due piani avanzati offrono la larghezza di banda illimitata, così come account e-mail e siti web illimitati. Alcuni bonus extra che non otterrai con il piano Single includono l’accesso SSH per sviluppatori esperti di Linux, i sottodomini illimitati e anche i database illimitati. I backup automatici giornalieri sono l’unica caratteristica critica che manca al piano di base, quindi dovrai eseguirli tu manualmente o acquistare il servizio a parte come componente aggiuntivo.

Hostinger offre un creatore di siti web con funzionalità drag & drop, chiamato Zyro, che però non è disponibile come parte dei piani di hosting.

Prima di dare un’occhiata più ravvicinata alle migliori funzioni di Hostinger, giusto due parole sui piani di hosting VPS e cloud. Hostinger è innanzitutto un provider di hosting condiviso, quindi evita di essere quel tipo che va nella migliore pizzeria della città per ordinare una pasta. Ci sono provider di hosting specializzati nei servizi VPS e cloud, come ad esempio Liquid Web e Kinsta. Anche se le offerte di Hostinger in questo campo non sono certo le peggiori, non c’è ragione per preferirle ad altre.

hPanel ha tutte le funzioni di base, ma ne mancano alcune avanzate

Come ho detto prima, Hostinger ha sviluppato un pannello di controllo proprietario, vale a dire che non utilizzerai il ben noto e familiare cPanel.

hPanel è la scommessa di Hostinger nel mondo dei pannelli di controllo dell’hosting e ha tutto ciò che serve, dalle semplici installazioni automatiche e le configurazioni delle zone DNS agli account di posta elettronica, il gestore di file e i database MySQL. Tutto è molto simile a ciò che offre cPanel.

Hostinger
hPanel mi ha lasciato contento; mi ha permesso di fare tutto quello che volevo

Tuttavia, alcune cose sono diverse. Ad esempio, le installazioni automatiche in cPanel vengono effettuate con Softaculous, che consente anche di clonare il tuo sito, di impostarne una versione di lancio e persino di configurare una pianificazione per il backup. Auto Installer di hPanel fa un ottimo lavoro nell’installazione automatica di WordPress, però manca di questi utili extra.

In hPanel mancano anche le funzionalità avanzate della posta elettronica, come mailing list, filtri e routing. Non ho mai usato queste funzioni quando le avevo a disposizione, e non sono neanche sicuro di chi le usi. hPanel è fatto così: potrebbe non essere capace di tutto, però è sicuramente adeguato alla maggior parte degli utenti.

Caching potente grazie al LiteSpeed Web Server

LiteSpeed non è il server fisico, ma la tecnologia di web server utilizzata da Hostinger. Si posiziona costantemente fra i web server più veloci e affidabili, superando la precedente tecnologia Apache che ancora utilizzano provider come GoDaddy.

Per configurarla, non dovrai fare nulla, semplicemente goderti le prestazioni di alto livello che offre, in particolare con i siti WordPress.

Hostinger
Il caching di LiteSpeed è la cosa migliore che puoi dare al tuo sito web

Quello che puoi e certamente devi fare è attivare la funzione di caching di LiteSpeed, nota come LSCache. Ti pare già che andiamo troppo nel tecnico? Bene, allora diciamola così: tutto quel che devi fare è attivare l’opzione Cache Automatica. Verranno così create delle copie delle tue pagine nella cache, riducendo notevolmente i tempi di caricamento per i visitatori del tuo sito. Pagine statiche come presentazioni aziendali e portfolio ne beneficeranno ancora di più.

Un certificato SSL che potresti ottenere…

Un certificato SSL è certamente necessario. Non importa ciò che pensi; non importa quel che potrebbe averti detto qualcuno: hai bisogno di un SSL. Il motivo? Perché senza un certificato SSL per criptare e proteggere i dati dei visitatori, non solo rischi di compromettere il tuo progetto e la sicurezza dei tuoi utenti, ma ti ritroverai anche ben in basso nei risultati di Google.

Oggi Hostinger fornisce un SSL con ciascuno dei suoi piani, però, quando mi sono iscritto un paio di mesi fa, non era così. Quindi, chissà cosa succederà in futuro. Infatti, Hostinger cambia spesso le caratteristiche dei suoi piani. Suggerisco di controllare con attenzione per assicurarti che il piano che scegli includa effettivamente un certificato SSL. Sappi comunque che, se non include un SSL, è possibile acquistarne uno come componente aggiuntivo separato. Tuttavia, non dovrebbe essere così.

Consulta l’elenco completo delle funzionalità

Semplicità d’uso

4.5

È tutto ben progettato, ma attento ai pop-up di marketing

Gli esperti di UX di Hostinger hanno progettato un’interfaccia e un percorso utente fantastico, dall’iscrizione all’uso passando per la gestione dell’hosting. Il problema è che la strategia commerciale di Hostinger si basa su una costante spinta all’upgrade e all’acquisto di extra. È una cosa confusionaria, a volte persino fastidiosa.

Comunque, i piani sono definiti in modo chiaro e tutto ciò che Hostinger chiede al momento dell’iscrizione sono il tuo nome, un indirizzo e-mail e una password. Mi ha fatto piacere che non chiedano tutte quelle informazioni irrilevanti che altri provider continuano a voler raccogliere.

Collegamento di un dominio e installazione di WordPress

Dopo aver acquistato il mio piano, è arrivato il momento di collegare un dominio e installare WordPress. Mi è stata presentata l’opzione di installare WordPress in automatico durante il processo di registrazione, però ho scelto di farlo in maniera regolare, utilizzando il pannello di controllo, in modo da verificare come funzionino gli strumenti di Hostinger in confronto a quelli di altri provider.

Ora, il mio dominio era effettivamente incluso gratis quando ho acquistato il piano Single, quindi era già collegato all’hosting. Oggi però, per qualche motivo, solo i piani di livello superiore includono un dominio gratuito.

Hostinger
Niente di confuso, bensì un’esperienza utente ragionata

Se acquisti il tuo nome di dominio da un altro provider, è poi facile collegarlo. Le informazioni di nameserver sono agevolmente disponibili nella parte superiore della pagina con i dettagli del tuo hosting, quindi non devi far altro che copiarle e incollarle nel pannello del dominio.

Hostinger
Ho collegato facilmente il mio dominio in pochi istanti

E WordPress, invece? Ho aperto lo strumento Auto Installer, ho selezionato WordPress come CMS e ho inserito le informazioni di base del mio sito web. È stato ancora più semplice di Softaculous e in appena un minuto il mio nuovo sito web era operativo.

Hostinger
Ho usato il tool Auto Installer per installare WordPress in questione di secondi

È facile gestire il tuo hosting con hPanel

Abbiamo appena esaminato il processo per portare online il tuo sito web, ma da questo punto in poi continuerai ad utilizzare hPanel per apportare modifiche e cambi al tuo hosting. Puoi usare hPanel per impostare un account di posta elettronica, eseguire i backup manuali, gestire i database e tanto altro.

Cosa cambia rispetto a cPanel? Secondo me, è molto più semplice. Le icone di hPanel sono più grandi e organizzate meglio, l’interfaccia non è allo stesso modo piena di opzioni aggiuntive che non userai mai e l’integrazione con gli altri servizi di Hostinger (supporto, acquisto di add-on, visualizzazione della fattura) è fluida.

Quindi, possiamo definirla un’esperienza di perfetta usabilità? No, non proprio. Come già accennato, infatti, il tuo flusso di lavoro sarà spesso disturbato dai pop-up che tentano di fare upselling. Immagina di dover apportare rapidamente una modifica critica ai tuoi record DNS e venire accolto da una cosa del genere:

Hostinger
Odio davvero questi pop-up. La vita sarebbe certamente migliore senza.

Il pop-up mi dice che ho “alzato l’asticella” del mio servizio. In realtà non ho fatto nulla, se non effettuare l’accesso. A Hostinger, però, piace spingere gli upgrade del piano, quindi dovrai tenerti sempre pronto a respingere i suoi tentativi, e ne fa proprio tanti. Non pensare che questi pop-up indichino che hai in qualche modo esaurito le tue risorse e che quindi hai bisogno di un upgrade.

Scopri se Hostinger è adatto a te

Performance

4.8

Hostinger è il servizio di hosting condiviso più veloce che abbiamo testato

Velocità e uptime; ecco cosa cerco. Purtroppo, molte volte i servizi di hosting condiviso tendono a mostrare delle pecche in questi ambiti. Questo perché, come suggerisce il nome del servizio, vai a condividere le risorse con molti altri utenti e i loro siti web, a volte persino centinaia. Solo un grande provider di hosting è in grado di bilanciare tutto ed evitare colli di bottiglia sulla rete, che rendono ogni cosa più lenta e tutti scontenti.

Sono davvero lieto di confermare che Hostinger non ha superato solo i test di performance, ma ha sostanzialmente superato ogni altro provider di hosting condiviso che abbiamo testato, inclusi servizi leader come SiteGround, FastComet e InMotion Hosting. Gli unici due provider che hanno fatto meglio, anche se solo di un piccolo margine, sono stati Liquid Web (Nexcess) e Kinsta. Tra l’altro, sono servizi premium che possono arrivare a costare circa 20 volte più di Hostinger.

Giusto per far comprendere meglio le capacità di Hostinger, considera che il tempo medio di caricamento della mia landing page è stato pari a un fenomenale 1,56 secondi e l’uptime dopo alcuni mesi di test è stato superiore al 99,99%, esattamente come promettono.

Ora spiegherò in dettaglio la mia metodologia di test e i risultati, ma se non hai bisogno di tutte queste informazioni tecniche, sentiti libero di saltare direttamente alla mia esperienza con il servizio di assistenza di Hostinger. Giusto per ripeterlo, la performance di Hostinger è stata fantastica.

Il mio sito web di test è ospitato nel data center di Hostinger situato ad Asheville, negli Stati Uniti, però il provider gestisce data center anche ad Amsterdam, a Singapore e in Lituania. Il mio sito web è ancora attivo e funzionante, quindi puoi visitarlo ed eseguire qualsiasi test in modo indipendente. È una landing page completamente attiva, con immagini in HD e testi, molto simile a come potrebbe essere il tuo sito:

http://www.autonomous-shoes-canada-hg.com/

Come faccio con tutti gli hosting che sottopongo a test, ho dato a Hostinger l’opportunità di ottimizzare e rendere più veloce il mio sito web. Si tratta di qualcosa che puoi (e dovresti) fare anche tu. Ti basta chiedere aiuto al servizio di assistenza. L’agente mi ha raccomandato di aggiornare WordPress e PHP alle ultime versioni disponibili e di installare alcuni plugin di ottimizzazione. Ho implementato il consiglio e poi ho proceduto a realizzare i miei test.

L’attività di test è stata condotta utilizzando tre strumenti: GTmetrix PRO, il Load Time Tester di Sucuri e il piano Pro di Uptime Robot. Per misurare la velocità e i punteggi di ottimizzazione negli Stati Uniti, ho usato il server di Dallas di GTmetrix. Sucuri è servito invece per ottenere info dettagliate sulle performance globali, mentre Uptime Robot per il monitoraggio delle percentuali di uptime e della disponibilità del sito online.

GTmetrix

Ho eseguito diversi test con GTmetrix durante alcuni mesi, poi ho aggregato i risultati e ho calcolato le velocità migliori, le più lente e quelle medie.

Hostinger ha fatto registrare un tempo medio di caricamento molto promettente, pari a 1,56 secondi. Il miglior tempo registrato è stato di 1 secondo tondo, mentre il più lento 1,9s. Non solo il tempo di caricamento più lento è ben al di sotto dei 3s (la soglia oltre la quale gran parte dei visitatori probabilmente abbandonerebbe il tuo sito), ma i valori medi dimostrano che Hostinger è estremamente affidabile.

Ecco il risultato di uno dei miei test:

Hostinger
Sono rimasto certamente sorpreso nel vedere velocità così elevate con Hostinger

Puoi vedere che ho ottenuto come punteggio due B. Non solo è pienamente accettabile, ma è anche uno dei punteggi più alti che ho visto nei miei test. L’unica cosa che resta da fare per ottenere i punteggi massimi è ottimizzare ulteriormente le immagini.

Dai un’occhiata alla tabella seguente per confrontare le prestazioni di Hostinger rispetto ad altri grandi nomi del settore dell’hosting (li ha sovrastati tutti):

HostingerSiteGroundFastCometInMotion HostingGoDaddy
Tempo di caricamento medio1.56s2.02s1.848s1.973s2.94s
Tempo di caricamento minore1.0s1.4s1.1s0.8s2.2s
Tempo di caricamento maggiore1.9s2.5s2.8s5.0s5.0s

Il test di Sucuri per il tempo di caricamento

Come con GTmetrix, ho eseguito più volte i test di Sucuri. Sucuri fornisce i risultati della velocità di caricamento per molte posizioni globali. Ho calcolato le medie della località più veloce (non sorprende che sia negli Stati Uniti, vicino al mio data center), della più lenta (Bangalore, in India, all’altro capo del pianeta) nonché la media globale.

La media per la posizione più veloce è stata un ottimo 0,177s, mentre anche a Bangalore è stata un soddisfacente 1,11s. La media globale registrata è stata pari a 0,499s, valore che ha fatto guadagnare al mio sito web il punteggio A a livello globale.

Devo essere onesto: questi numeri mi hanno lasciato sbalordito. Una media globale di 0,499s è una cosa mai vista per un hosting condiviso. Tutto quello che ho fatto per “ottimizzare” il mio sito è stato installare alcuni plugin. Non c’era nemmeno una CDN (Content Delivery Network) attiva. Ecco quindi la potenza di LiteSpeed e LSCache, signore e signori. Approfittatene finché si può.

Ecco uno dei test realizzati, giusto per dare un’occhiata:

Hostinger
Anche a livello globale, Hostinger ottiene un punteggio molto alto in termini di velocità di caricamento

Uptime Robot

Le velocità elevate non ti saranno d’aiuto se il tuo sito web ha una bassa disponibilità online. Per fortuna, Hostinger offre un uptime, ossia il tempo di attività del sito, quasi perfetto: 99,997% durante gli ultimi mesi. Sto continuando a seguire e ad aggiornare i risultati, ma un avvicinamento al 100% è proprio ciò che mi aspetto dal mio servizio di hosting.

Hostinger
Hostinger è fedele alla sua promessa, rendendomi un utente soddisfatto

La situazione è un po’ diversa parlando della garanzia di uptime. Si suppone che ci sia una garanzia di uptime del 99,99%, ma Hostinger espone una spiegazione legale molto sommaria di quando e come si possano ottenere indietro i soldi. A me suona più come un “mai”, e anche se in qualche modo tu riesca ad accedere a un rimborso (come stabilito esclusivamente da loro), si tratta di un misero 5% del costo mensile. Oh, ed è solo in forma di credito da spendere nell’acquisto di altri loro servizi. Deludente.

Comunque, a parte questo problemino con la garanzia, Hostinger mi ha davvero impressionato nei test di performance.

Scopri le prestazioni di Hostinger

Assistenza

4.0

Una volta ottima, ora… Porta pazienza

Come utente di Hostinger da tempo, ho avuto il piacere di testarlo più e più volte, e tante altre ancora. Uno degli aspetti che preferivo del servizio era l’assistenza. Non c’era (e ancora manca) il supporto via telefono, però la live chat costituiva un metodo efficace per ricevere aiuto.

Era un servizio disponibile 24/7 gestito da professionisti e supportato da una knowledge base di proporzioni davvero gigantesche. L’unico problema? Se un tempo gli agenti rispondevano all’istante, oggi ci mettono circa 40 minuti per collegarsi. A volte la live chat non è nemmeno disponibile e vieni trasferito a un sistema di supporto via ticket/e-mail con cui ho avuto poca buona sorte.

Sarò completamente onesto: questo significa che dovrai affidarti alla knowledge base. Non puoi mettere in conto un’ora di tempo di attesa. Poi, anche quando gli agenti rispondono, considera che è solo l’inizio del processo. Con tempi di risposta di 3-4 minuti tra un messaggio e l’altro, porre alcune semplici domande può far perdere un’intera giornata di lavoro.

Quando volevo contattare il supporto prima di iscrivermi, la live chat non era nemmeno proposta come opzione. Mi hanno fatto usare la posta elettronica. Almeno, quando è arrivata la risposta, risultava chiaro che l’agente non era soltanto competente, ma anche onesto su ciò che potevo aspettarmi:

Hostinger
Non mi è piaciuto usare l’e-mail, ma sono rimasto colpito dalla professionalità dell’agente

Ho chiesto se mi avrebbero aiutato “ad allestire il mio sito e tutto il resto” (domanda 3). Molti provider di hosting ti darebbero la risposta che vuoi sentire – – ma sparirebbero quando più ne hai bisogno. Apprezzo l’onestà, quindi rispetto molto di più un servizio che mi dice: “Beh, lo sviluppo è una tua responsabilità, amico”.

Quando ho contattato gli agenti dopo l’iscrizione, i risultati sono stati diversi. A volte ci hanno messo “qualche ora” per rispondere:

Hostinger
Dover aspettare intere ore non è accettabile

Altre volte venivo semplicemente reindirizzato alla schermata dei ticket di supporto:

Hostinger
Mi era stata promessa la live chat e mi ritrovo a usare i ticket di supporto

La knowledge base si è rivelata una fonte di informazioni di gran lunga migliore, poiché è costruita e organizzata per coprire quasi ogni aspetto della tua esperienza con l’hosting. Per l’installazione di WordPress, ad esempio, c’è un tutorial passo-passo super semplice da seguire:

Hostinger
Almeno la knowledge base è ottima

Sono poi riuscito a contattare il supporto in tempo reale e a chiedere che ottimizzassero e rendessero più veloce il mio sito web. La risposta, anche se non è delle più dettagliate, è stata sufficiente a far salire il mio sito in cima alla nostra graduatoria di velocità, come esaminato nella precedente sezione dedicata alle prestazioni.

Hostinger
Quando trovano il tempo di rispondere, gli agenti di Hostinger possono rivelarsi di grande aiuto

Il bilancio finale? Non è la migliore esperienza di assistenza. Hanno le competenze, ma la disponibilità dovrebbe essere migliorata. Mi ha infastidito molto il fatto che il supporto di Hostinger era uno dei migliori. Che peccato vedere come le cose cambino in peggio… D’altra parte, però, seguire i tutorial e i manuali dovrebbe essere abbastanza semplice per tutti, anche per chi è appena agli inizi nel mondo dell’hosting.

Prezzi

4.9

Prezzi a lungo termine mai visti, i più economici sul mercato

Sii onesto, è per questo motivo che stai leggendo questa recensione. Passando in rassegna le tante alternative disponibili oggi per l’hosting del tuo sito web, i prezzi di Hostinger si distinguono. Insomma, $0.99 al mese? È quasi fin troppo economico. Dov’è quindi la fregatura?

È semplice. Hostinger vuole che ti iscrivi per un lungo periodo di tempo e per convincerti è disposto a darti questa spinta. Sono disponibili quattro frequenze di pagamento: mensile, annuale, biennale e quadriennale. Sì, quest’ultima parola significa quattro anni. L’avrai vista a malapena, perché quasi nessun altro hosting ti propone abbonamenti così lunghi.

La buona notizia è che iscrivendoti per quattro anni ottieni quello che è senza dubbio il miglior prezzo sul mercato per l’hosting condiviso. Altri provider addebitano un totale simile per un piano solo annuale. Fai tu i conti…

Qual è la situazione iscrivendosi per periodi più brevi? Beh, i piani biennali e annuali non sono cari, ma hanno prezzi molto più in linea con la media del mercato. I piani mensili prevedono una tariffa iniziale e non hanno proprio alcun senso dal punto di vista finanziario.

In termini di valore, fintanto che è incluso un certificato SSL, i piani sono completamente in linea con gli standard del settore. C’è anche una garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni, per darti abbastanza tempo per testare il servizio e capire se fa per te.

Una cosa da notare durante il processo di checkout è che ci sono alcuni servizi aggiuntivi opzionali. Per fortuna, nessuno viene preselezionato. Io consiglio di saltarli tutti. Puoi sempre aggiungerli poi dopo allo stesso prezzo, oppure “persuadere” un agente del supporto a offrirti condizioni migliori… Come sempre, minacciare di lasciare un servizio può fare miracoli.

Stai cercando un dominio gratuito? A volte è incluso nei piani, altre no. I piani avanzati di solito ne sono forniti, quando ci si iscrive per un anno o più. Quando mi sono iscritto io, nel piano di base era incluso anche il dominio. Ora, invece, non lo è più. Quindi è tutto da vedere.

Per quanto riguarda i pagamenti, oltre alle classiche opzioni di carte di credito e PayPal, puoi usare anche i Bitcoin e altre criptovalute. Qualunque sia la tua ragione per voler ospitare un sito web in forma anonima, usare le criptovalute ti permette di farlo.

Hostinger Web Hosting

Pianifica un nomeMemoriaLarghezza di bandaNumero di sitiPrezzo Pianifica un nomeMemoriaLarghezza di bandaNumero di sitiPrezzoSingle10 GB100 GB1$0.99Più dettagliPremiumUnlimitedUnlimitedUnlimited$2.89Più dettagliBusinessUnlimitedUnlimitedUnlimited$3.99Più dettagli
Più dettagli

Hostinger Hosting Cloud

Hostinger Hosting WordPress

Recensioni degli utenti

Sulla base di 235 recensioni in 15 lingue
4.3
Scrivi una recensione
Lingua
  • English (205)
  • Español (4)
  • Français (4)
  • Česky (1)
  • Ελληνικα (1)
  • עברית (2)
  • Magyar (1)
  • Italiano (1)
  • Polski (1)
  • Português (9)
  • Română (1)
  • Svenska (1)
  • ไทย (1)
  • Việtnam (1)
  • 简体中文 (2)
Ordina per
Più recente
  • Più recente
  • Più vecchio
  • Migliore
  • Peggiore
Rispondi alla recensione
Rispondi
Visita Hostinger
reply
it
Errore
onClick="trackClickout('event', 'clickout', 'Vendor Page - Visit User Reviews', 'hostinger', this, true);"
View 1 reply
Visualizza %d risposte
avatar
5.0
Roberto
Stati Uniti
25 Novembre 2018
Assitenza velocissima, valuterò l'hosting nei prossimi giorni

Gentilezza e velocità per tutte le domande che ho fatto. Nei prossimi giorni valuteremo l'hosting. Se sarà ecellete come l'assistenza sarà da consigliare. Per ora 5 stelle.

Risultato finale di Hostinger

I convenienti piani di hosting condiviso di Hostinger sono degni del tuo tempo, del tuo denaro e della tua considerazione. Le prestazioni si sono rivelate sorprendentemente ottime, e anche se non è l’offerta più ricca di funzionalità, include tutto ciò di cui hai davvero bisogno.

Ti chiedi se dovresti dargli una possibilità? Se stai costruendo un blog, una pagina aziendale, un progetto personale o un simile sito web di piccole e medie dimensioni, la mia risposta è un sonoro sì.

Se vuoi costruire un negozio di e-commerce o un servizio complesso come un portale di corsi online, avrai invece bisogno di qualcosa di un po’ più potente dell’hosting condiviso. Ti costerà di più, certo, ma Liquid Web e Kinsta sono entrambi meglio preparati per tale tipo di progetti online.

Ben Sarid
Ben Sarid
Ben è un appassionato web developer che adora maneggiare codici, sia nel back-end che nel front-end. È alla perenne ricerca del miglior host di siti web al mondo, ma si impegna anche nel cercare dei momenti liberi per coltivare i suoi altri interessi: i fumetti, i viaggi, e la cucina.

Hostinger Alternative

InterServer
4.9
Domini e siti illimitati
Leggi la recensione
Serverplan
4.8
ottima scelta di funzioni anche per i più esperti
Leggi la recensione
SupportHost
4.8
pannello intuitivo e ricco di funzionalità ideali per i principianti
Leggi la recensione
Ergonet
4.8
pannello di controllo e altre tecnologie brevettate uniche nel mercato dell’hosting
Leggi la recensione
56313