Il nostro sito web contiene dei collegamenti a siti web affiliati. Cliccando su tali link ed effettuando un acquisto sul sito web affiliato, noi riceviamo una commissione di affiliazione. Scopri di più. Le nostre recensioni non sono influenzate dalla partecipazione a tali programmi.

RECENSIONI E OPINIONI DI ESPERTI Constant Contact

Ezequiel Bruni Ezequiel Bruni Esperto di email marketing

Constant Contact ha certamente del potenziale: tutte le funzionalità essenziali ci sono e la piattaforma è un piacere da usare e a seconda di dove vivi potrai avere uno o due mesi di prova gratuiti. Tuttavia, molte opzioni avanzate non ci sono o non sono proprio complete, il che significa che se Constant Contact fa per te dipende molto dalle esigenze del tuo business.

Panoramica

L’email Marketing FAtto Semplice… Forse Anche Troppo

Constant Contact si autoproclama miglior servizio di email marketing in assoluto, proprio come fanno tutti gli altri, e, anzi, dice di essere l’unico tool per dominarli tutti: email, SMS e pure anche social media.

Soffermandosi sui suoi ottimi prezzi che includono già marketing, landing page e tanto altro sembra davvero che sia davvero così. Ma l’apparenza a volte inganna…

Di sicuro ti offre tanti strumenti facilissimi da usare, ma mancano anche tante cose, per non parlare di quando ci hanno bannato l’account, che è stato il momento saliente della nostra esperienza con Constant Contact.

Dico davvero, un ban può essere una cosa positiva e di fatto un punto a favore di Constant Contact (più avanti ti spiego perché).

Quel che abbiamo fatto è “infiltrarci” per capire se questo servizio è davvero valido come promette e se pure tu vuoi scoprire se Constant Contact ha tutto quel che ti serve al tuo business oppure se conviene cercare altrove fra le migliori piattaforme di email marketing, allora sei nel posto giusto.

Per farla breve, è un ottimo tool per principianti, ma per tutti gli altri?

Andiamo a vedere…

4.3

Caratteristiche

Alcune Cose Buone, Alcune Meno… E Altre Mancano Proprio

Ovvio che devi perlomeno avere ben chiare in testa le basi dell’email marketing per farci dei soldi (concetto valido per tutti i software), ma in generale Constant Contact merita di sicuro per la facilità d’uso.

Se c’è una cosa che davvero fa la differenza in questa piattaforma è la sua interfaccia snella e veloce con i suoi ottimi tutorial integrati. Se solo penso ai mal di testa causati da certi editor per email lenti e macchinosi… Mi fanno letteralmente impazzire, ma con Constant Contact non è stato così.

Diciamo che è davvero un piacere fare qualcosa con Constant Contact, quando puoi farlo, perché è anche vero che ci sono dei tasselli mancanti che rovinano tutto. È un po’ come mangiare un’ottima margherita ma senza mozzarella… e dove sono finite le automazioni? Qualcuno mi illumini per piacere!

In altre parole, mancano diverse funzioni avanzate che mi aspettavo di trovare dopo aver testato i diretti concorrenti e di seguito ti spiego a cosa mi riferisco nella fattispecie.

Campagne email, modelli e personalizzazione

Creare delle campagne email è relativamente facile, ma onestamente i limiti si fanno sentire. Col piano Email puoi inviare email a un massimo di 10.000 contatti, che diventano 50.000 col piano Plus, mentre non sembra esserci alcuna opzione per liste più voluminose.

Col piano Email Plus avrai accesso a diverse funzioni, quali i moduli di iscrizione pop-up personalizzati, moduli RSVP, sondaggi, coupon, donazioni online, contenuti email personalizzabili e altro.

Condividere poi la stessa email/newsletter sui social media dopo aver lanciato una campagna è questione di un click che vedrai apparire appena inviato il messaggio. Potrai condividere i tuoi contenuti su Facebook (solo pagine Business), INstagram (Business e basta), LinkedIn e Twitter.

Volendo si possono inviare anche via SMS, ma dovrai creare una campagna apposita e i messaggi verranno inviati tramite un servizio chiamato EZtexting, con cui pare che Constant Contact abbia un accordo per la gestione di questo servizio.

I template per le email sono di tutto rispetto: a eccezione di alcuni che sembrano un po’ datati, in generale hanno tutti un bel look pulito e moderno e ce ne sono oltre 300 a disposizione, quindi le opzioni non mancano. Se invece di usare un template non ne vuoi proprio sapere, ci sono alcuni modelli che ti permettono di partire da dei blocchi vuoti o proprio da zero, così potrai affinare le tue capacità di designer.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
I template di Constant Contact sono decisamente non male.

Tutti i template sono categorizzati con dei tag, tipo “Holiday” (esempio: “See Our Christmas Deals”), “Newsletter,” o “ Greeting” (“Welcome to Our Mailing List”), oltre a essere tutti responsive, altra caratteristica piuttosto importante, dato che oggigiorno gli smartphone vengono utilizzati molto più di qualsiasi altro dispositivo.

Persino io, che sono cresciuto nei mitici anni ‘90, mi ritrovo a usare lo smartphone quando non lavoro col mio mac! (dev’essere per questo che mi hanno preso a fare recensioni qui).

L’editor per le email è ok e presenta tutte le funzioni essenziali, tipo drag and drop, blocchi preimpostati per aiutarti a posizionare testi e immagini, personalizzazione di base dei colori e tanta altra bella roba. Unica pecca, ti tocca caricare foto e immagini per conto tuo, dato che non c’è alcuna selezione già pronta.

Detto questo, non è che una galleria di immagini sia strettamente necessaria, ma non guasterebbe.

Il software è disponibile in 9 lingue compreso l’italiano, mentre le lingue RTL (arabo, ebraico ecc. ) non sono supportate.

Parlando poi di cose che fa piacere avere (ma sono sul piano Email Plus), c’è una serie di extra che puoi implementare nelle tue email, inclusi i prodotti da un negozio basato su Shopify o WooCommerce, eventi da Eventbrite, i moduli RSVP che abbiamo già citato e tanto altro.

Prima di proseguire dobbiamo confessare una cosa: lo screenshot che vedi qui sotto è stato preso dalla pagina web del centro assistenza di Constant Contact.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Creare email è facile con questi blocchi semplici e funzionali

Altra funzione utile (stiamo ancora parlando del piano Email Plus), è possibile personalizzare ogni email con i dati del destinatario. Per esempio, l’oggetto della mail e il saluto potrebbero diventare “Ciao Dalia” invece di “Ciao carissimo”.

Quello era solo un esempio, ma puoi inserire qualsiasi dato relativo al tuo cliente, come il suo indirizzo, numero di telefono, compleanno, colore preferito o qualsiasi altra cosa ti venga in mente. In ultimo, ci sono anche delle variabili legate al tuo account, come nome, recapito, siti web, indirizzo email e via dicendo. Tutto molto utile per automatizzare le tue campagne e per svolgere delle mansioni tipo confermare le informazioni di contatto di un nuovo cliente.

Una grave mancanza invece sono i contenuti dinamici basati sulle informazioni che abbiamo sui nostri destinatari. Tanto per fare un esempio, altre piattaforme ti permettono di mostrare nella stessa email un contenuto particolare solo a un certo gruppo di lettori (tipo tutti quelli che si chiamano Giovanni) e uno completamente diverso a un altro gruppo (tutte le Valentine). Per fare questo con Constant Contact dovrai creare due liste separate per i Giovanni e per le Valentine se vuoi inviargli email diverse.

GetResponse e Sendinblue ti permettono di farlo con molta più facilità.

Un’altra funzione incompleta è l’A/B testing. E cosa sarebbe? Mettiamo che vuoi mandare una email a tutti i tuoi contatti, ma usando due versioni diverse per capire quale converte di più.

Immaginiamo che vuoi testare un grosso pulsante blu con la scritta “Provalo Ora” e un altro più piccolo e di colore rosso. Un A/B test ti permette di inviare il messaggio col pulsantone blu a metà dei destinatari e il pulsantino rosso all’altra metà. Guardando poi alle statistiche di invio saprai quante persone hanno cliccato su un pulsante piuttosto che sull’altro.

Constant Contact in realtà gli A/B test li ha, ma sono molto limitati: potrai testare solo l’oggetto della mail, mentre non è possibile testare niente in fatto di contenuti o design del messaggio.

Poter fare A/B test su poco e niente è a dir poco frustrante, dato che si tratta di uno degli strumenti più efficaci che le aziende possono sfruttare per valutare l’efficacia di vari design e testi nelle loro campagne di email marketing. Incredibile che alcuni servizi continuino a limitarlo a tal punto quando pressoché tutti i migliori servizi di email marketing garantiscono molta più flessibilità.

Mailing list e segmentazione

Fortunatamente, creare e gestire liste di contatti è piuttosto semplice con Constant Contact. Puoi generare dei moduli che potrai integrare in qualsiasi pagina web per collezionare gli indirizzi email dei tuoi contatti e, se hai già delle liste pronta su cui lavorare, puoi importarle tramite copia-incolla o caricando il file. Ultima spiaggia, puoi inserire ciascun contatto manualmente.

Nota: i formati supportati per i file sono Microsoft Excel (.xls, .xlsx), .csv, .vcf e file di testo di tipo comma-separated.

In generale è stato tutto rapido e indolore. Puoi importare praticamente qualsiasi tipo di informazione, inclusi nome e cognome, età, indirizzo, sesso e altro, se ne hai a disposizione.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Noi ci siamo limitati agli indirizzi email, ma puoi importare qualsiasi tipo di dati.

Puoi filtrare i tuoi contatti per indirizzo email, status (iscritto o no), provenienza, dati in cui è stato aggiunto, che lavoro fa, nome dell’azienda e posizione geografica. Se poi ti servono dei criteri più avanzati, c’è una funzione di ricerca apposita e puoi anche taggare ogni contatto per trovarlo più facilmente.

Immagina di aver appena cercato tutti i contatti residenti in Scozia che hanno cliccato un link su una tua mail negli ultimi 6 mesi e si sono iscritti alla tua lista chiamata “gonnellini stilosi”. Immagina ora se la tua lista venisse aggiornata automaticamente, così da poter ricontattare questi utenti senza doverli andare a cercare ogni volta…

Puoi farlo grazie a una funzione detta “segmentazione”, che è ormai parte dell’ossatura di moltissime campagne di marketing. Buone notizie, perché la segmentazione c’è su Constant Contact e funziona piuttosto bene. Crea un filtro in base a quello che sai sui tuoi contatti e sei a posto.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
L’interfaccia per la segmentazione è semplice e si può integrare con Shopify, eBay ecc.

Ci tendo poi a precisare che puoi anche segmentare le tue liste in base al livello di interazione, ovvero raggruppare i contatti che hanno interagito di più con le tue email, quelli che hanno interagito meno e quelli che se ne sono proprio fregati. Ideale per identificare il traffico più caldo e con maggior potenziale per te.

Non ci sono le liste di soppressione ed è un gran peccato, perché Constant Contact dovrebbe davvero aggiungerle.

Questo perché le liste di soppressione sono davvero utili. Stiamo parlando di listare tutti i contatti a cui non vuoi più inviare email per alcun motivo. L’esempio più classico è chi le usa per evitare di mandare altri messaggi a chi si è disiscritto, soprattutto in certi paesi in cui si può incorrere in problemi di tipo legale.

Meno male che Constant Contact ha una lista apposita per i blocchi manuali, che ti permette di bloccare dei contatti per sempre. Una funzione indispensabile che non manca qui.

Landing Page

Le Landing page sono ottime per convincere qualcuno ad acquistare un prodotto o servizio.

Le landing page di Constant Contact sono decenti ma limitate, proprio come le automazioni, nel senso che ci sono solo 5 template. Si hai capito bene, solo 5, non ci siamo scordati uno zero.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
In realtà, i tre modelli di landing page non vuoti hanno un look decente.

Detto ciò, tutti i template sono perlomeno responsive e la qualità è paragonabile a quella dei template per le email, così come l’editor che è in effetti lo stesso a parte l’integrazione con Shopify e compagnia bella.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
L’editor per landing page di Constant Contact è quasi identico a quello per le email.

In realtà, se hai i contenuti già pronti, allora non è poi così male, perché dovresti essere comunque in grado di avere una pagina pronta in massimo 10 minuti. In ogni caso, c’è molto da migliorare e servono più template: scendere da oltre 300 a solo 5 è un po’ troppo.

Manca anche la possibilità di usare il proprio dominio (esempio; miosito.com) e mostrare le tue landing page con un dominio non tuo non giova né alla CRO né alla deliverability. È sempre meglio se ogni link rimanda al tuo dominio.

Automazioni

Le automazioni sono un’altra gamma di funzioni utilissime e che Constant Contact ha più o meno. Un’automazione è perfetta per sviluppare un processo tipo “se un cliente si iscrive a una pagina coupon, mandiamogli una email di benvenuto, poi aspettiamo sei mesi e gli inviamo un sondaggio per sapere cosa pensa dello sconto che gli abbiamo fatto. Aspettiamo un altro anno e chiediamogli se ci raccomanderebbe a un amico”.

Si tratta di una funzione che molti ritengono utile e non a caso moltissime piattaforme di email marketing ti permettono di consolidare le tue campagne con i dati sulle interazioni dei tuoi contatti, per generare dei funnel di vendita su cui devi intervenire poco o niente.

Purtroppo non si possono creare flussi automatizzati con Constant Contact, a parte tre opzioni:

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Ecco tutto quel che offre Constant Contact per automatizzare le tue email.
  • Una email di benvenuto automatica (per i nuovi iscritti)
  • Email per il compleanno
  • Email per l’anniversario di iscrizione, non di matrimonio, perché dopotutto, ogni iscrizione è un momento da ricordare

Tecnicamente si possono creare delle email del tipo “Ehi, dai per piacere torna da noi e compra qualcosa!” per quando un utente abbandona il carrello sul tuo sito, ma pare che tale funzione sia disponibile solo se stai usando Shopify o un negozio online creato con il builder di Constant Contact.

L’avevamo detto che non c’è nemmeno un’opzione per creare autorisponditori? Insomma, le automazioni in teoria ci sono, ma è poca roba.

Funzionalità Aggiuntive

Per iniziare, Constant Contact ha due programmi nativi per creare siti web e negozi eCommerce. Non li abbiamo analizzati nel dettaglio, perché sono qualcosa aldilà di quello di cui stiamo parlando in questa recensione, ma è bene ribadire che ci sono.

Il sitebuilder ti garantisce spazio illimitato (nei limiti della decenza) per i tuoi file, analytics, funzioni specifiche per i blog e tanto altro, mentre il software per la creazione di negozi online supporta prodotti sia fisici che digitali illimitati, gestione tasse e inventario, coupon e sconti… insomma le solite cose che servono un po’ a tutti.

Constant Contact offre anche un tool per la gestione di eventi, con cui puoi tracciare tutte le iscrizioni a qualunque tipo di evento online, che si tratti di webinar, classi online, workshop, dimostrazioni di un prodotto ecc.

Ovviamente, puoi anche creare una landing page per l’iscrizione all’evento, registrare i dati dei partecipanti e tenere sott’occhio chi sta usando un coupon, insomma tutto, e nel caso di eventi a scopo di lucro puoi anche accettare i pagamenti direttamente sulla pagina di iscrizione.

Ultimo ma non ultimo, Constant Contact può essere integrato con una marea di altri software oltre ai soliti Shopify, WooCommerce e eBay. Per esempio, puoi usare pressoché qualsiasi piattaforma di analisi dati, DonorPerfect, BigCommerce e molti altri. Come se non bastasse, puoi anche usare Zapier per usare Constant Contact insieme a praticamente tutto quel che puoi trovare in rete, per un totale di oltre 3300 integrazioni.

Numeri astronomici.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Le integrazioni con Constant Contact sono così tante che hanno dovuto metterle in un marketplace.

La nostra conclusione è che tutte quelle cose che Constant Contact ha sono ottime e un piacere da usare, ma ci sono anche così tante cose che mancano, che alla fine siamo rimasti delusi.

4.5

Consegnabilità

Constant Contact Si Impegna Seriamente Contro Lo Spam, ma Mancano Delle Funzioni Essenziali

Alzi la mano che vuole che le sue email arrivino al server del destinatario senza essere etichettate come spam. Questo è il risultato a cui ambiscono tutte le aziende e possibilmente la situazione ideale anche per dei clienti felici.

Diversi servizi in rete testano i vari servizi di email marketing per poi venirti a dire che hanno riscontrato una deliverability rate (tasso di consegna) del 90% (numero a caso). Il problema è che questi numeri non sono per niente affidabili, perché i fattori coinvolti sono davvero troppi. A meno che tu sia l’amministratore del server da cui invii una email e di tutti quelli che la ricevono, non sarai in grado di testare facilmente tutti gli elementi che influiscono sulla consegnabilità.

Leggi la nostra guida approfondita, per capire a cosa servono davvero le metriche sulla email deliverability e come puoi davvero ottimizzare i tuoi tassi di consegna

In parole povere, quel che facciamo è testare quel che si può testare: controlliamo quei pochi fattori che fanno la differenza per la deliverability e traiamo le nostre conclusioni in base ai dati raccolti.

Primo fra tutti l’autenticazione DKIM, che altro non è che un sistema che tramite un messaggio criptato fa sapere al provider di posta che l’email è stata inviata dal server originale senza interventi non autorizzati. Capisci quindi perché i servizi di email in tutto il mondo probabilmente si fideranno di più di un messaggio che ha la DKIM attiva.

Constant Contact ha l’autenticazione DKIM e una guida molto chiara che puoi seguire passo passo per effettuare il setup, come puoi vedere in parte qui sotto:

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Con Constant Contact puoi autenticare sia la tua casella di posta che il tuo dominio.

Guardando poi alla politica antispam di Constant Contact, la trovo piuttosto rigida: se lo 0.1% delle tue email viene segnalata come spam, il tuo account con tutte le sue liste potrebbe venire sottoposto a un controllo dalla crew di Constant Contact, che, credimi, fa sul serio.

Giusto per darti un’idea, uno dei test che facciamo sempre consiste nel caricare una lista di indirizzi email noti per essere spammer e vedere se vengono riconosciuti come tali. Nella migliore delle ipotesi questi indirizzi non dovrebbero venire importati e l’utente dovrebbe ricevere un messaggio di errore.

Constant Contact non ci ha impedito di importare la lista spammosa, ma circa mezz’ora dopo il nostro account è stato sottoposto a una verifica manuale. Abbiamo ricevuto una email in cui si diceva che il nostro account era a rischio e che avremmo dovuto chiamare il supporto tecnico per sistemare questo macello.

Li abbiamo chiamati, quindi, e ci è stato detto che gli indirizzi sospetti vengono immediatamente oscurati e loro non ti dicono niente prima di aver controllato tutto. Fanno così per spronare la gente a contattarli e il motivo è che molti utenti importano liste comprate online senza rendersi conto dei rischi in cui incorrono.

Ci è voluto un po’ a spiegare le nostre vere intenzioni, ma alla fine abbiamo sistemato tutto e non possiamo che elogiare il team di Constant Contact per l’impegno nell’educare i propri clienti.

Parliamo ora di affiliate marketing. Constant Contact permette di promuovere dei programmi di affiliazione nelle tue email? Semplicemente no. Molti utenti riferiscono che il loro account è stato marchiato appena hanno provato a inviare una campagna di affiliate marketing o se hanno coinvolto altri affiliati.

Eppure, se sei un affiliate marketer, questo non è per forza un male. Significa, infatti, che tutte le email spam inviate ai fini di fare affiliate marketing non verranno mai associate a Constant Contact e di conseguenza le tue email verranno ritenute più sicure.

Un’altra cosa che potresti voler fare è inviare email da un indirizzo IP dedicato. Perché? Perché se le tue campagne condividono lo stesso IP di uno spammer, potrebbero venire etichettate anch’esse come spam poiché l’intero IP verrà considerato spam.

Lascia perdere, perché non lo puoi fare: Constant Contact ha, sì, i suoi indirizzi IP ad alto trust, ma non ti permette di comprarne uno apposito per le tue campagne. Non è la fine del mondo, ma resta un peccato, perché ogni impresa dovrebbe prima o poi procurarsi un IP dedicato per le sue email. È una bella spesa però, quindi non lo consideriamo un punto così negativo.

In generale devo dire che far arrivare le mie email a destinazione non è mai stato un problema.

3.8

Analitici e rapporti

Tecnicamente i dati ci sono, ma…

La reportistica e l’A/B testing sono i due strumenti che aiutano un marketer a capire se sta facendo tutto (o niente!) bene. Come minimo devi avere un’idea di quali email vengono aperte, da chi, quando e se i lettori cliccano sui link, altrimenti come fai a capire cosa sta funzionando e cosa no?

Questi dati sono le colonne portanti di una strategia di online marketing, insieme al tuo intuito e a una serie infinita di test ed errori che farai. Ecco perché la tua piattaforma di email marketing deve avere dei report con statistiche e analisi dettagliate, per poterti così aiutare a prendere decisioni ponderate e ottimizzare le vendite.

Pare, invece, che Constant Contact non la pensi così: infatti, le statistiche ci sarebbero anche, ma sono inutili al fine di trarre delle conclusioni.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
La dashboard coi report di Constant Contact’s ci ha deluso.

Puoi vedere solo chi ha aperto una mail, chi ha cliccato sui link e da quale dispositivo queste persone erano connesse: pc, tablet o telefono. Tutte informazioni sicuramente utili, ma prive di alcun contesto.

Non puoi sapere da quale parte del mondo hai ricevuto più interazioni, quali sono le ore del giorno preferite dai tuoi lettori e tutti quei piccoli dettagli ancora più utili, poiché ti aiutano a capire meglio cosa vogliono i tuoi contatti. Non puoi nemmeno sapere da subito se i tuoi utenti usano Gmail o Microsoft a meno che non vai a controllare ogni singolo indirizzo di posta elettronica (e anche questo sistema è impreciso a causa dei domini personalizzati).

Ovvio che puoi ricavare dei dati più precisi segmentando i destinatari in liste specifiche, ma non dovresti averne bisogno. I tuoi report dovrebbero già saperti dire con quali tipi di persone le tue tecniche di marketing stanno funzionando meglio.

Sennò a che serve la reportistica?

4.3

Assistenza

Addetti fantastici quasi sempre

Hai tre modalità per contattare il servizio clienti e se non ti rispondono c’è un altro paio di alternative che puoi provare. I tre canali di supporto principali sono telefono, live chat e la buon vecchia email (da inviare tramite un modulo sul sito).

Per chi vuole rendere pubblico un problema, può sempre rivolgersi al canale Twitter di Constant Contact (è proprio così, lo trovi elencato anche sul sito ufficiale) e c’è un forum con una community a dir poco attiva. Le buone tradizioni non muoiono mai.

In ultimo, c’è una sezione di risorse con tantissime guide per ciascuna funzionalità del software. A dire il vero, non c’è proprio tutto quel che potresti voler sapere, ma quasi. Anzi, io ti consiglio di guardare qui prima di chiamarli. Meno perdite di tempo per te e per loro.

Quando invece abbiamo avuto bisogno di parlare con qualcuno, abbiamo usato i canali principali ed è sempre andato tutto bene.

Live Chat

Abbiamo chiesto se c’era un modo per fare un A/B test sui contenuti e il design di una email. Ci hanno risposto immediatamente e pare che non sia ancora possibile. Peccato, ma l’interazione è stata veloce e ci hanno detto esattamente cosa volevamo sapere, quindi un punto a favore del team di supporto al cliente.

Gli addetti non parlano italiano, ma proveranno comunque a farti un favore, avvalendosi di un traduttore automatico., quindi una qualche sorta di conversazione è possibile anche per chi non parla bene inglese.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
La risposta non ci ha fatto piacere, ma è stata rapida ed efficace.

Supporto Telefonico

In seguito abbiamo chiamato l’assistenza telefonica, chiedendo se fosse possibile inviare le nostre email anche via SMS e social contemporaneamente. Sono entrato in contatto con un rappresentante molto capace e gentile, che mi ha risposto subito. Possiamo quindi dire che telefonare al supporto sarà rapido e indolore.

E te lo dice uno che di telefonare ne fa volentieri a meno.

La risposta è stata questa: inviare sui social richiede un click in più (come spiegato prima) una volta inviata la mail, mentre per gli SMS tocca creare una campagna a parte.

Email

Il supporto via email ci ha un po’ deluso quando abbiamo chiesto se le lingue sinistrorse, tipo l’Arabo e l’ebraico. Siamo dovuti andare a cercare la risposta altrove, perché l’addetto non ha capito proprio di cosa stessimo parlando e ci ha fatto attendere 20 ore prima di dirci qualcosa. Se può essere di alcuna consolazione, sanno usare i traduttori automatici per comunicare in italiano, il che potrebbe facilitarti la vita almeno un po’.

1 IT_Constant Contact Review Translated (IT) (1)
Tutti possono sbagliare, ma 20 ore di attesa sono troppe.
4.3

Prezzi

C’è Chi Offre Di Più Per Gli Stessi Soldi

I prezzi di Constant Contact non sono assurdi, ma nemmeno competitivi. I numeri di per sé sono interessanti, dato che già col piano più economico, detto Email, hai un limite di 10.000 contatti per la tua lista alla modica cifra di $9.99 al mese. Niente male a prima vista.

Mettici poi la possibilità di aggiungere fino a tre utenti (così potrai lavorarci insieme al tuo team) e una serie di funzionalità (tipo il sitebuilder) che altri servizi concorrenti ti fanno pagare extra. PAre ancora di più un affarone.

Ma facendo due conti abbiamo dovuto soppesare il numero di funzioni offerte in base alla loro effettiva qualità. Alcune sono niente male, ma, come hai potuto constatare leggendo sin qui, molte altre funzionalità sono incomplete o mancano del tutto. In altre parole, con altri servizi di email marketing dovrai pagare per poter usare certi tool, ma perlomeno sei sicuro di averli.

Detto questo, se Constant Contact si impegna a mantenere i prezzi attuali mentre lavora su dei miglioramenti ai suoi strumenti, può davvero diventare uno dei più grossi nomi nel panorama dell’email marketing. Chissà, magari un giorno…

Per ora, il nostro consiglio è di sfruttare il mese di prova gratis prima di abbonarsi e, comunque, se proprio vuoi pagare, avrai anche una garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni.

Attenzione però che tale garanzia non copre alcuni servizi, come i design custom, la gestione marketing, le Facebook Lead ads e praticamente tutto quello che non ha a che fare direttamente con l’email marketing.

In altre parole, finché ti limiti alle funzioni di base, potrai chiedere i soldi indietro appena ne avrai bisogno e se vuoi andare più a fondo, proprio fino in fondo, allora leggiti la nostra guida ai prezzi di Constant Contact. Buona lettura!

Confronto

Come Constant Contact si confronta con la concorrenza?

Active CampaignConfronta4.8Confronta
GetResponseConfronta4.7Confronta
Constant ContactConfronta4.3Confronta
StreamSendConfronta3.9Confronta

Constant Contact Recensione: Conclusione

Constant Contact le basi le ha tutte, ma ci sono troppe funzioni a dir poco scarne o inesistenti. Un gran peccato, perché l’interfaccia è davvero facile da usare, nonché bella e veloce. Anche il supporto è andato alla grande.

I novizi troveranno tutto quel che gli serve, ma l’offerta così limitata di funzioni potrebbe andargli stretta dopo poco.

In conclusione, direi che Constant Contact merita di essere tenuto d’occhio, perché il potenziale è enorme, ma finché non sistemano le funzionalità del loro software a dovere, quel potenziale resterà inutilizzato. Almeno per ora Sendinblue e GetResponse offrono molte più funzioni avanzate per il prezzo.

FAQ

Cos’è Constant Contact?Constant Contact è una piattaforma di email marketing pensata per le piccole aziende, no-profit e i privati. Oltre all’email marketing, offre una serie di tool per creare siti web, e-commerce, social media e more – tutti in ogni piano di abbonamento. Dai un’occhiata alla nostra lista dei migliori software di email marketing per aiutarti nella scelta.Esiste una versione gratuita di Constant Contact?No, ma c’è un free trial di 60 giornil. Avrai accesso a tutte le funzioni offerte nel piano Email, ma se ti trovi al di fuori degli Stati Uniti dovrai inserire i tuoi dati di pagamento (e pagherai automaticamente alla fine se non ti disiscrivi per tempo)Quanto costa Constant Contact?Il piano Email costa $9.99 al mese, mentre il piano Email Plus plan $45.00. I prezzi di Constant Contact aumentano in base al numero di iscritti, ma ci sono degli sconti disponibili per abbonamenti a lungo termine e per le organizzazioni no profit, oltre ai nostri coupon sconto per Constant Contact.Quali sono i punti di forza di Constant Contact?È un software facilissimo da usare per i principianti e per chi non ha tempo. Ci sono incluse funzioni, come il programma di creazione siti web e negozi online, incluse nella stessa piattaforma, il che lo rende un software tuttofare per il digital marketing. Avrai anche accesso a dozzine di bei template per le email e un supporto clienti molto efficiente.Meglio Constant Contact o Mailchimp?Constant Contact è meglio per i principianti e le piccole aziende, perché i suoi template sono migliori e ne ha di più oltre a un tool molto facile da usare. Mailchimp è forse meglio per la reportistica e i test A/B, ma in quanto a funzioni di base Constant Contact stravince.

Ezequiel Bruni Ezequiel Bruni
Ezequiel Bruni è biologicamente Canadese, legalmente Messicano, e si identifica come un assoluto nerd. Sin dall’adolescenza, ha rivestito a più riprese il ruolo di web ed experience designer, e adora condividere con i principianti i consigli che avrebbe desiderato ricevere quando lui stesso era ancora agli inizi. Adora anche i videogiochi, i tacos, i software open source ed i generi fantasy e fantascienza in qualsiasi forma si presentino. Abbiamo già menzionato il suo amore per i videogiochi? Non ama invece scrivere in terza persona.
4.5

Recensioni degli utenti

Sulla base di 3 recensioni in 1 lingue
Sii il primo utente a lasciare una recensione su Constant Contact in italiano!
Scrivi una recensione
Puoi leggere le recensioni degli utenti in altre lingue
Rispondi alla recensione
Rispondi
Visita Constant Contact
reply
it
Errore
onclick="trackClickout('event', 'clickout', 'Visit User Reviews', 'constantcontact', this, true );"
View 1 reply
Visualizza %d risposte
Constant contact fit that bill

I'm the office manager for a small business, and I was tasked with coming up with an email marketing solution that wouldn't kill our budget. Constant contact fit that bill. It has a ton of great features such as email scheduling, real-time reporting, and tracking options. I was able to manage multiple contact lists and was able to remove duplicate contacts automatically. The best part is that you don't need to be a design or tech wizard to use this product. It's perfect for any small business in my opinion.

avatar
Alister Yoder, Stati Uniti
12 Giugno 2018
5
this service is only for those with little or no email marketing experience

Personally, I feel that this service is only for those with little or no email marketing experience. I have run campaigns for multiple companies and found this software lacking for those wanting mid-range or enterprise-level features. If you're new to email marketing or you are a small business with a tight budget, this may work, but if you are looking for something more robust, then you may feel that you've overpaid using this product.

avatar
Tyra Mcdougall, Stati Uniti
28 Maggio 2018
4
I really like the interface and setting up contacts is fast and easy

I really like the interface and setting up contacts is fast and easy. One of the best features was the ability to reuse emails formats for various campaigns. I had an ongoing email campaign and rather than having to set up each separate message, I could simply modify the original template and continue. It's great for anything from one-time emails to long-term campaigns. It has saved me a ton of time, and ultimately money

avatar
Damien Bain, Stati Uniti
19 Maggio 2018
5
Condivisione in famigliaCondivisione multiutenteSupporto di espertiBackupSincronizzazione intelligenteSoluzione personaleSoluzione aziendaleOpzioni per teamCartelle offlineCronologia e ripristino dei file
Constant Contact Alternative
56856
La migliore deliverabilityimage

Converti i tuoi lead in vendite 

Scegli fra centinaia di modelli di e-mail per campagne efficaci.