Il nostro sito web contiene dei collegamenti a siti web affiliati. Cliccando su tali link ed effettuando un acquisto sul sito web affiliato, noi riceviamo una commissione di affiliazione. Scopri di più. Le nostre recensioni non sono influenzate dalla partecipazione a tali programmi.

RECENSIONI E OPINIONI DI ESPERTI MailChimp

Ben Sarid Ben Sarid Esperto di email marketing

Purtroppo, il famoso Mailchimp non si è rivelato all’altezza delle aspettative. La mia lista di lamentele include caratteristiche deludenti, modelli di e-mail che sembrano usciti dagli anni Novanta, automazioni poco interessanti, la chat live sempre “attualmente non disponibile” e prezzi poco attraenti. Se si è alla ricerca di una soluzione professionale per l’email marketing, raccomando di rivolgersi ai piani offerti da Benchmark.

Panoramica

La qualità di Mailchimp è pari alla sua popolarità?

Parafrasando il grande comico americano Bobcat Goldthwait: “Gli animali sono i nostri migliori amici, ma non vengono a prenderci all’aeroporto”. Questa frase si applica alla perfezione a Mailchimp. Mailchimp si classifica come un servizio semplicissimo da usare, creato da uno dei migliori team di design disponibili sull’intera rete internet. Ma nel momento in cui si è in difficoltà, nessuno verrà ad aiutarvi.

A questo punto i nostri lettori potrebbero pensare: “Cheeeee?! Tutti usano Mailchimp!”. La ragione è molto semplice: Mailchimp permette di creare gratuitamente un account, che rimane gratuito finché la propria mailing list rimane al di sotto dei 2.000 contatti.

Ma il fatto è che non sempre il risparmio è un guadagno.

Si sta cercando di incrementare la base di iscritti alla propria mailing list? Oppure di approfittare di opzioni di analisi avanzate per massimizzare il coinvolgimento dei lettori? O ancora di automatizzare le attività ed evitare il lavoro manuale?

Tutto ciò rientra nella categoria “non vengono a prenderci all’aeroporto”. Svolgere qualsiasi di queste attività con Mailchimp è praticamente impossibile e, più ci si prova, peggio sarà a lungo termine.

Nel corso dell’articolo verranno illustrati tutti i motivi che sostengono queste affermazioni. In alternativa è possibile dare un’occhiata al nostro elenco dei migliori servizi di email marketing per soluzioni più economiche e affidabili.

Caratteristiche

4.0

Una bella presentazione nasconde un servizio mal congegnato

Quando ho aperto la homepage di Mailchimp per iscrivermi e scrivere questa recensione ero piuttosto emozionato. La homepage dell’azienda ha vinto dei premi per l’interfaccia e l’esperienza utente perfette. Insegnano queste cose nelle scuole. E in effetti ha un funzionamento perfetto. Un amico che passava dietro di me mentre stavo lavorando mi ha detto: “Wow! Davvero notevole!”.

Le aspettative erano elevatissime, quindi è possibile immaginare la mia sorpresa quando, dopo aver effettuato l’iscrizione con piano Essentials, il tutto si è rivelato pieno di bug, caratteristiche funzionanti solo a metà e template progettati davvero male.

Campagne email, template e personalizzazione

Tutto è iniziato con un messaggio di errore. Un’esperienza che ricorda un po’ la volta in cui Bill Gates presentò la nuova versione di Windows e apparì la schermata di crash durante la presentazione. Non sono sicuro di chi sia Bill Gates in questa analogia.

Mailchimp error message
La mia prima esperienza con Mailchimp è stata un messaggio di errore.

“Sembra che ci sia un problema”? Sì, un problemino. Ho dovuto eliminare i cookie, cancellare la cronologia di navigazione, tentare un altro login e poi effettuare nuovamente la verifica a causa di un comportamento “sospetto” da parte mia.

Quando finalmente la dashboard si è caricata ho tirato un sospiro di sollievo. La dashboard è ben progettata e offre un ottimo mix di usabilità e personalizzazione del brand. Creare una nuova email blast (o campagna, o newsletter, o come si preferisce chiamarla) è semplice: basta cliccare su Create (Crea) e selezionare Email. Tutto funziona proprio come si può facilmente immaginare: scegliere l’indirizzo del mittente, aggiungere un pubblico, scrivere un oggetto e creare il contenuto.

Tratterò questo aspetto più nel dettaglio nella sezione Prezzi, ma per ora è sufficiente tenere a mente che Mailchimp limita il numero di email che si possono inviare e il numero di contatti da aggiungere. 5.000 email e 500 contatti con il piano di base Essentials. Non mi sono imbattuto in nessun altro servizio che limiti entrambi; di solito nei piani sono presenti contatti limitati ed email illimitate. Inoltre, la maggior parte dei servizi consente il doppio dei contatti.

È possibile integrare l’account Mailchimp con i principali social network, come Facebook, Instagram e Twitter, e contemporaneamente pubblicare il contenuto dell’email blast su ognuno di questi canali. Le integrazioni di analisi includono Google Analytics e ClickTale, che probabilmente non verranno utilizzati fin da subito, dato che questi servizi di terze parti richiedono molto tempo per essere configurati.

Una caratteristica davvero interessante che merita di essere menzionata è la casella di posta elettronica specifica per le campagne di Mailchimp. È possibile attivarla selezionando una casella per ogni campagna creata e Mailchimp organizzerà automaticamente tutte le risposte a una campagna specifica in un’apposita casella di posta. Ciò rende molto più facile tenersi in contatto con i propri iscritti e mostra che è stato effettivamente fatto un certo sforzo nell’esperienza utente.

Tuttavia, gli sforzi terminano qui.

Un segno infausto è apparso quando stavo effettuando alcune prove con una nuova campagna. Avevo intenzione di inviarla ai 13 contatti e, dopo aver premuto Send, Mailchimp mi ha chiesto se volessi inviare l’email a tutto il mio pubblico, 24 iscritti al momento. E chi sarebbero?

Mailchimp "Review Your Campaign" pop-up
Volevo inviare questa email a 13 destinatari. Il messaggio pop-up non è molto chiaro.

Ho cliccato su Annulla e ho controllato se ci fossero errori da parte mia. Nessuno. Un altro tentativo ha portato alla stessa discrepanza. Ed è successo di nuovo quando ho provato a creare una nuova campagna. Ho deciso di rischiare di disturbare i miei contatti per il bene del test e di inviarla comunque. Fortunatamente, solo i 13 contatti previsti hanno ricevuto l’email.

Quindi, abbiamo una funzione che ha effettivamente funzionato come previsto, ma mi ha spaventato a morte a causa di alcuni elementi non sincronizzati nella piattaforma. Perché è un problema così grande? Un esempio nel mondo reale sarebbe voler testare un’email e inviarla a un numero selezionato di amici, ma con Mailchimp invece l’email verrà inviata a tutta la rubrica. Chi avrebbe avuto il coraggio di cliccare?

Dicendomi che aveva effettivamente funzionato, messaggio spaventoso a parte, mi sono avventurato nella selezione del template. Pensavo che forse il team di Mailchimp disponesse di designer brillanti, ma non dei migliori programmatori. Sicuramente i template sarebbero stati la parte migliore del servizio.

Invece no. Decisamente no.

Sono presenti circa 100 template, ma la maggior parte di essi non è effettivamente consigliabile. Anche i pochi template di qualità offerti impallidiscono rispetto all’offerta delle piattaforme concorrenti. (Ad esempio, GetResponse.)

Mailchimp email templates
I template di Mailchimp sembrano usciti dagli anni Novanta.

Questi template sono terribilmente datati. Incredibilmente datati. Roba mai più usata dopo gli anni Novanta. Sono rimasto a osservare il “St. Paddy’s Day Banners” chiedendomi se fosse uno scherzo. Ma temo che non lo sia.

Il lato positivo è che almeno i modelli non sono pesanti con grafica HD o qualsiasi cosa che possa danneggiare la deliverability. Posso anche affermare che, dal punto di vista tecnico, Mailchimp ha seguito le migliori pratiche del settore. Tuttavia, lo scopo non è solo consegnare un’email, ma anche farla leggere.

Ho scelto quello che ritenevo il template meno offensivo di tutti e ho tentato di modificarlo. L’editor non è così male. È basato su blocchi ed è possibile trascinare e rilasciare elementi, come caselle di testo e immagini tra i blocchi esistenti.

Mailchimp's email editor
A una prima occhiata, l’editor di Mailchimp non sembra così male.

I problemi sono sorti di nuovo quando ho scavato un po’ più a fondo. Ho scoperto che Mailchimp supporta solo 20 font, uno dei quali è il temutissimo Comic Sans, comunemente conosciuto online come il font che non deve essere usato. Mentre altre piattaforme di marketing permettono di aggiungere facilmente i font attraverso Google Fonts, Mailchimp non fornisce questa opzione.

Ciò che è possibile fare è aggiungere un blocco di codice. Ciò normalmente consentirebbe il supporto di codice HTML personalizzato da aggiungere alle email, ma può anche essere usato per le importazioni di CSS font-face se configurato correttamente. Sembra una cosa senza senso? Bene, se si vogliono usare cose semplici come i font su Mailchimp sarà necessario imparare parecchio. Non è così con le altre migliori piattaforme di email marketing.

Inoltre, come ben si sa, alla fine piove sempre sul bagnato. Mailchimp non offre supporto RTL integrato. La personalizzazione (usando i dati dei contatti nelle email) è limitata alla riga dell’oggetto. Si suppone che ci sia uno strumento di design e di immagini di stock molto funzionale dal nome di Creative Assistant, utilizzabile per trovare immagini e giocarci aggiungendo filtri e simili, ma i miei tentativi di utilizzo di tale strumento hanno dato come risultato degli errori.

Mailchimp's Creative Assistant - error message
Il Creative Assistant di Mailchimp non mi ha assistito molto, ma almeno offre l’accesso alla libreria di GIF Giphy.

Non è tutto così terribile. Devo dire che mi è piaciuto molto lo strumento di anteprima delle email di Mailchimp. Tutti i modelli sono mobile-responsive e si può utilizzare lo strumento per vedere esattamente come l’email verrà letta sulla maggior parte dei sistemi e piattaforme attualmente disponibili.

Mailchimp's email preview tool
Una cosa che mi è piaciuta di Mailchimp è lo strumento di anteprima delle email.

Sono presenti anche un ingegnoso strumento che controlla due volte che tutti i link nell’email siano inseriti correttamente e un’app scaricabile per visualizzare in anteprima le email sul telefono.

Prima di passare alle mailing list, parliamo brevemente del test A/B. Si tratta di uno strumento molto potente che permette di testare due versioni di un’email su una piccola percentuale dei contatti e poi usare la versione migliore per la parte restante. Mailchimp offre il test A/B come parte del piano Essentials ma, come ci si potrebbe aspettare, i bug abbondano.

L’utente è limitato a una combinazione di tre variabili, ma la dashboard contrassegnerà due variabili su tre nel momento in cui ne viene selezionata una. Così facendo, vengono cancellate anche tutte le altre variabili (oltre a quella scelta), il che, a quanto ho capito, lascia una sola variabile. Forse è un indovinello, dopotutto.

Mailchimp's A/B testing tool
Non sono riuscito a far funzionare lo strumento di testing A/B nel modo desiderato.

Mailing list e segmentazione

La parte fondamentale di ogni operazione di marketing sono gli iscritti. Normalmente, sarebbero tutti organizzati come contatti in una mailing list. Si potrebbe poi spostarli tra le liste (come “utenti coinvolti” e “utenti non coinvolti”) in base al loro comportamento, o creare liste aggiuntive per corrispondere all’origine degli iscritti – una landing page, una campagna social, contatti importati e altri ancora.

Con Mailchimp non è così. A prima vista sembra che le mailing list previste nel servizio siano chiamate “audience”, ma in realtà c’è una grande differenza tra le due cose. Mentre le mailing list possono essere usate dinamicamente, come ho appena illustrato, le audience di Mailchimp sono statiche. Un contatto non può essere spostato da un’audience all’altra. Le landing page, per esempio, sono specifiche per audience e l’audience a cui conducono non può mai essere cambiato. C’è anche un limite rigoroso alle audience: solo 3 nel piano Essentials.

Ciò significa che, in realtà, tutti i contatti per un progetto andranno in un unico pubblico, il che si traduce in una grande lista disordinata e difficile da gestire. Taggare i contatti aiuta un po’, ma nonostante quanto sostenuto da Mailchimp, il tagging non può sostituire la creazione di liste funzionali separate. Per finire, ci sono seri problemi con molte delle caratteristiche relative alle audience.

Prendiamo l’importazione, ad esempio. Normalmente mi aspetterei il supporto per molti tipi di file, dai file .csv ai file .xlsx di Excel, ai file di testo e altri ancora. Altre piattaforme di email marketing si integrano anche con altri servizi di marketing e CRM, come Salesforce, rendendo il processo di importazione un gioco da ragazzi.

Mailchimp supporta solo l’importazione tramite file .csv e il copia-incolla. Il mio tentativo di importare una mailing list in formato .csv è andato liscio, con Mailchimp che ha riconosciuto automaticamente la maggior parte dei campi (email, nome, cognome). Per altri campi, come “DOB” e “Company”, è stata necessaria la configurazione manuale. Piccoli passi in più che la maggior parte delle piattaforme non richiede di effettuare.

Fortunatamente, Mailchimp si attiene al protocollo standard e richiede di confermare di avere l’autorizzazione ad aggiungere i contatti. Non è esattamente il miglior deterrente contro lo spam, ma mostra impegno verso i protocolli antispam e può lasciare gli spammer esposti ad azioni legali.

Poiché non è possibile creare liste multiple, non ci sono opzioni come pagine d’iscrizione specifiche per ogni lista o pagine di conferma personalizzate. Ciò significa che tutti gli iscritti passeranno fondamentalmente attraverso lo stesso identico processo. Il laser-targeting è ciò che permette alle campagne di marketing di avere successo, ma Mailchimp non offre alcun modo per raggiungere questo obiettivo.

Passiamo alla segmentazione delle liste. Si tratta è di una funzione molto utile, poiché permette di impostare delle regole e filtrare dinamicamente le liste in base ad esse. È possibile creare nuovi segmenti con pochi click ed è facile impostare regole che hanno a che fare con i metadati, come l’età, la data di iscrizione, il genere, etc.

L’utilizzo dei dati comportamentali per la segmentazione del pubblico è un po’ più complicato. Normalmente imposterei una regola sull’interazione di un contatto con una campagna specifica (come “ha aperto l’email” o “ha cliccato su un link specifico”).

Mailchimp's segmentation tool
Le opzioni di segmentazione di Mailchimp non sono sufficientemente esaurienti

Ciò non è fattibile in Mailchimp. È possibile scegliere tra opzioni come “Qualsiasi delle ultime 5 campagne” o “Qualsiasi campagna inviata negli ultimi 7 giorni”. Non abbastanza specifico e non abbastanza potente. Perché non dovrebbe essere possibile scegliere una campagna importante per l’utente e lavorare in base ad essa?

Questo è il momento in cui di solito parlo di “igiene della lista”, concetto che implica il mantenere nelle liste solo contatti coinvolti e di qualità. Gli strumenti che aiutano a raggiungere questo obiettivo includono algoritmi antispam, operazioni di pulizia manuale e liste personalizzate di utenti non coinvolti. Mailchimp non offre nessuno di questi strumenti, quindi credo che passerò oltre.

Landing Pages

Mailchimp permette di creare landing page, ma questa funzione è molto limitata. Esistono solo 10 modelli, tre dei quali sono più considerabili come wireframe che come tempate. Almeno sono tutti mobile responsive e possono essere modificati utilizzando lo stesso editor dei modelli di e-mail. Purtroppo anche qui si avverte la mancanza di supporto RTL.

Mailchimp's landing page templates
Questa è l’intera libreria di modelli di landing page di Mailchimp: solo 10 template.

Il lato positivo è che non ci vorranno più di pochi minuti per avere una landing page online e, se si collega un dominio personalizzato a Mailchimp, si può scegliere di utilizzarlo come link.

Le opzioni di base della landing page che mi sarebbe piaciuto vedere, ma che non esistono su Mailchimp, includono la possibilità di decidere cosa succede ai lead generati dalla landing page: come vengono etichettati? In quale lista vanno? Invece è tutto un gran pasticcio e per “catturare” questi lead è necessario creare una segmentazione specifica per ogni pagina.

Se si pensava di usare questa funzione della landing page come base per un webinar, una pagina di vendita o una pagina di promozione convincente, si scoprirà che non è possibile farlo. Le landing page servono solo a raccogliere i click. Niente di più, niente di meno.

Automazione

Un’ottima automazione può cambiare l’intera esperienza dell’utente, dall’automatizzare una serie di email che possono agire da corso online all’assegnare automaticamente dei punteggi ai contatti e seguire il loro coinvolgimento. Insomma, ciò che separa veramente una piattaforma di email marketing da un fornitore di servizi email, come Gmail.

L’automazione di Mailchimp non cambierà assolutamente l’esperienza utente. Alcune funzioni, come le email transazionali, sono fornite come servizio add-on che costa più del piano stesso. Le altre opzioni di automazione sono limitate per lo più a email di buon compleanno, un’email di benvenuto personalizzata per i nuovi contatti e il recupero del carrello abbandonato.

Mailchimp etichetta la propria automazione dei contatti molto basilare come automazione “Customer journey” e perfino questo aspetto è limitato nel piano Essential.

Mailchimp automations
Le capacità di automazione di Mailchimp sono davvero limitate se paragonate ad altre piattaforme. Non è possibile fare granché.

Non è possibile automatizzare la segmentazione o usare le automazioni per ripulire le liste e mantenerle organizzate. Il massimo che si può fare è configurare l’aggiunta del tag X a un contatto per inviare l’email Y.

Consulta l’elenco completo delle funzionalità

Consegnabilità

Quasi tutto il necessario per massimizzare la deliverability

Le cose vanno meglio parlando di deliverability.

Nonostante ciò che si potrebbe pensare, un buon tasso di deliverability dipende principalmente dall’utente: la base impostata, i contenuti forniti e i contatti curati. Mailchimp può solo fornire le chiavi per il successo, cosa che effettivamente fa.

In questa sezione non si troveranno dei “tassi di deliverability” in forma di cifre, poiché si tratta di numeri senza alcun significato. Ciò di cui parlerò sono i quattro pilastri di base che mi aspetto che ogni servizio di email marketing fornisca e di come Mailchimp fornisce con buoni risultati tre di essi.

Il primo, e più importante, è una forte autenticazione del dominio. Per far sì che le email vengano consegnate, dovrete provare oltre ogni ragionevole dubbio il possesso del dominio di invio. Non a me, naturalmente. Io credo a tutti i miei lettori. È agli algoritmi avanzati anti-spam che è necessario provare tale legittimità e ciò che richiedono è DomainKeys Identified Mail o DKIM.

Lasciamo perdere i dettagli tecnici, ma verificare indirizzo email e dominio non sarà sufficiente. È necessario andare oltre e assicurarsi che il dominio e l’account Mailchimp siano autenticati DKIM. È presente una buona guida, quindi è meglio cercare di attenersi ad essa.

Mailchimp's DKIM authentication guide
La guida all’autenticazione DKIM fornita da Mailchimp è discreta.

Il secondo e il terzo pilastro della deliverability sono politiche chiare e fortemente applicate verso lo spam e l’affiliate marketing. La ragione è che si condividerà l’indirizzo IP con centinaia di altri utenti di Mailchimp e ciò che ognuno fa influenza gli altri. Se uno spammer si scatena usando un certo IP, esso verrà inserito nella lista nera a prescindere da qualsiasi altro aspetto. L’affiliate marketing non è illegale di per sé, ma molti marketer di affiliazione si rivolgono allo spam o anche alle frodi nel tentativo di incassare. Ciò può facilmente danneggiare qualsiasi altro utente.

Mailchimp si comporta abbastanza bene su entrambi i fronti: lo spam è, naturalmente, proibito nei termini di utilizzo e qualsiasi segnalazione di spam (facilmente rintracciabile) comporterà la rimozione immediata dal servizio.

Mi piace testare le cose un po’ più a fondo ed è per questo che ho ideato un modo semplice per testare quanto sia proattivo un servizio. Caricando un file di mailing list pieno di indirizzi spam e di cose senza senso posso verificare se il servizio cerca di prevenire lo spam prima ancora che esso si verifichi. Il processo assomiglia molto a ciò che farebbe un vero spammer: semplicemente caricare una lista di indirizzi acquistata, che tende a contenere un sacco di indirizzi falsi e inutili.

Sfortunatamente, e nonostante servizi concorrenti come GetResponse siano riusciti a identificare la trappola, Mailchimp non si è dimostrato altrettanto vigile. L’importazione ha funzionato perfettamente, togliendo qualche punto dal punteggio di deliverability di Mailchimp.

La situazione con il marketing di affiliazione è migliore rispetto alla maggior parte dei concorrenti in quanto qui è direttamente vietato. Mentre altri servizi tendono a rimanere vaghi, nel tentativo di non perdere potenziali clienti, Mailchimp è chiaro come il giorno sull’argomento:

Mailchimp's terms of service
L’affiliate marketing è strettamente proibito su Mailchimp.

L’ultimo pilastro della deliverability è l’opzione di un indirizzo IP dedicato. Questa è sicuramente una caratteristica avanzata e normalmente ha un certo costo. Tuttavia, se ce lo si può permettere, può risolvere completamente i potenziali problemi della condivisione dell’indirizzo IP con altri utenti. Ma ahimè, Mailchimp non fornisce indirizzi IP privati. Nemmeno sul piano Enterprise, che costa centinaia di euro al mese.

Vedi tutte le funzioni di consegnabilità

Analitici e rapporti

4.6

Rapporti discreti con alcune opzioni avanzate

Una buona scheda di analisi dovrebbe fornire la ripartizione più dettagliata possibile delle prestazioni delle campagne. Per esperienza posso dire che è sorprendente vedere come molte piattaforme di email marketing iniziano molto bene in alcune sezioni delle mie recensioni solo per mandare tutto all’aria quando si passa all’analisi. Stranamente, Mailchimp non se la cava così male in questa sezione.

È possibile aprire un rapporto di analisi per ciascuna delle campagne e-mail effettuate e anche per alcuni degli altri strumenti di marketing disponibili, come le landing page. Questo è un fatto raro, poiché molti servizi non forniscono rapporti sulle performance delle landing page. I rapporti sulle e-mail sono sempre i più interessanti, ma è necessario tenere in considerazione qualsiasi dato extra che si possa ricevere. I dati portano all’ottimizzazione e ciò si traduce direttamente nella monetizzazione.

In ogni caso, i rapporti di analisi di Mailchimp sono tutti ben progettati e si possono trovare facilmente tutte le cifre importanti per tassi di apertura, click e rimbalzo. È anche possibile suddividere i risultati secondo il dominio del provider e vedere, ad esempio, se gli utenti di Gmail hanno reagito diversamente dagli utenti di Outlook.

Naturalmente, nessuno è perfetto. Un inconveniente sta nel fatto che tutti i tipi di rimbalzo sono raggruppati insieme. Un vero peccato. Gli hard bounce si verificano quando un indirizzo email non esiste (e dovrebbe essere immediatamente rimosso dalla lista). I soft bounce si verificano a causa di un problema temporaneo. Non essere in grado di distinguere tra i due comporta minor chiarezza e genera insicurezza sull’integrità della propria lista di contatti.

Mailchimps analytics
Le analisi di Mailchimp sono facili da navigare, ma non mi piace che i bounce hard e soft siano raggruppati.

Un altro problema delle analisi di Mailchimp è la mancanza di dati sui sistemi operativi e le dimensioni dello schermo. Le informazioni ottenibili da questo tipo di dati sono tantissime. Ad esempio, a parità di tassi di apertura, un alto tasso di click su mobile e un basso tasso di click su desktop indicano chiaramente un problema con la versione desktop. Ma qui non esiste tale ripartizione.

Ciò che è invece disponibile, e che forse ha lo stesso valore, è la ripartizione per località. Essere in grado di capire quali mercati stanno rispondendo alle email è uno strumento davvero potente. Ciò permette di concentrare i propri sforzi dove i ritorni sono più elevati e potrebbe aiutare a capire quando l’approccio a certi mercati deve essere modificato.

Mailchimp's location analytics
Le analisi di Mailchimp offrono la ripartizione per località, che può essere potenzialmente molto utile.

Un’ultima considerazione. Questi rapporti analitici contengono alcuni dati molto importanti, ma manca il passo successivo: quando si hanno le informazioni, è necessario usarle e sfruttarle. Suggerisco di modificare immediatamente i punteggi degli utenti in base al loro comportamento o di etichettare gli utenti con rimbalzo come potenziali indirizzi falsi che devono essere testati. Tutto ciò si può fare tornando alla scheda Audiences, impostando regole appropriate e creando segmentazioni, ma una scheda analitica fatta davvero bene risparmierebbe questa fatica all’utente, poiché viene costruita con l’utente in mente. Questo non è proprio il caso di Mailchimp.

Vedi tutte le funzioni di analytics

Assistenza

3.5

Supporto 24/7 sempre “al momento offline”

In teoria è possibile contattare il supporto Mailchimp 24/7 tramite chat live, ticket, email e telefono. Il servizio client e la knowledge base, sfortunatamente, non sono disponibili in italiano.

Non sorprende che, sfruttando un piano gratuito, si dovrà fare affidamento soprattutto sulla knowledge base. Ciò è onesto, secondo me. E il fatto che per i primi 30 giorni è possibile sfruttare il servizio clienti via email è comunque vantaggioso per l’utente. La knowledge base in sé è ben scritta e ben organizzata e, combinandola con un atteggiamento del tipo “Yes, I can!”, si può davvero fare molto.

Il supporto telefonico, che comunque non è il mio preferito, è disponibile solo per i clienti enterprise, ovvero clienti che pagano all’azienda centinaia di dollari al mese. Pagate meno di così e il supporto umano dovrà arrivare attraverso la chat live e l’email. Il che potrebbe essere fantastico… se solo avessero risposto.

La chat live è irraggiungibile. Per ore e ore, giorni e giorni, ho ricevuto il seguente messaggio: “Live chat is currently offline. Helpbot is available 24/7” (La chat live è al momento offline. L’Helpbot è disponibile 24/7).

Mailchimp support
Ho provato molte volte a raggiungere la chat live di Mailchimp, ma è SEMPRE stata offline.

E io che pensavo che la chat live fosse disponibile 24/7! Non sto dicendo che un servizio che non offre una chat live non è accettabile. Lo è. Può esserlo. Ma promettere una chat 24/7 e poi non essere disponibile durante le ore di lavoro in un giorno feriale è semplicemente vergognoso.

Ho inviato invece alcune e-mail, sperando in una risposta rapida, e nel frattempo ho fatto ricorso all’Helpbot. Non è così male. Certo, ho dovuto formulare le mie domande come se stessi parlando a un bambino e provare alcune variazioni diverse ogni volta, ma mi ha guidato nell’importazione dei contatti e nella creazione di un’attività automatica per le email di benvenuto.

Mailchimp's Helpbot
L’Helpbot di Mailchimp non può sostituire un addetto al supporto clienti.

La risposta alle mie richieste via e-mail è stata tutta un’altra storia. In breve, non mi hanno mai risposto. Sembra che i ticket si siano… persi nella posta. L’unica cosa che ho ricevuto è stata una mail promozionale automatica di Mailchimp, che includeva storie di successo di utenti che hanno fatto tutto da soli. Immagino che non abbiano mai avuto bisogno del supporto.

A parte gli scherzi, si tratta di un aspetto piuttosto preoccupante. Se si hanno necessità di base e i problemi sono standard, l’Helpbot può essere utile. Ma cosa succede se accade qualcosa di serio e inaspettato e hai davvero bisogno dell’aiuto del supporto?

Termino dicendo che ho continuato a provare ad aprire la chat live, ma era sempre non disponibile. “Currently offline.” Sempre.

Prezzi

4.0

Pagare di più per avere di meno

I prezzi di Mailchimp sono un altro aspetto difficile da gestire. I livelli del piano sono un po’ confusi ed è solo attraverso diversi tentativi ed errori che sono riuscito a identificare esattamente gli aspetti disponibili e quelli bloccati dietro un paywall. Se si desidera andare più a fondo, abbiamo messo insieme una rassegna dettagliata dei piani di Mailchimp.

Per riepilogare, usando tutte le informazioni a disposizione, direi che Mailchimp è un servizio costoso. Sì, esiste un piano gratuito. Il piano gratuito che Mailchimp ha usato per anni per attirare i potenziali clienti e fargli investire tempo prezioso per impostare il servizio. Dopodiché, è fin troppo facile convincerli che tutto sommato il passaggio a un piano superiore è più comodo rispetto a cambiare piattaforma.

Mi permetto di dissentire. La maggior parte del tempo trascorso dietro a qualsiasi servizio di email marketing viene passato a impostarlo. Consiglio di trascorrere questo tempo con il piano gratuito di Mailchimp solo se le proprie ore di lavoro valgono meno di un hamburger. Poiché do un grande valore al mio tempo, preferisco rifiutare l’offerta di Mailchimp.

Questo perché, rispetto a praticamente qualsiasi altro servizio di email marketing, si ottiene di meno. Mentre 1.000 contatti sono diventati lo standard del settore, lo standard di Mailchimp è di 500 contatti. È possibile aggiungere contatti al proprio piano in incrementi di 1.000 per il piano Essentials (o 2.000 per il piano Standard), ma per il doppio dei contatti è necessario sborsare il doppio dei soldi.

Con una mossa estremamente ridicola, Mailchimp non limita il servizio se l’utente raggiunge una di queste soglie: piuttosto, farà pagare automaticamente. Ciò pone a serio rischio qualsiasi utente: significa che alcune persone malintenzionate con troppo tempo a disposizione possono mandare qualcun altro in bancarotta iscrivendosi ripetutamente a una certa newsletter.

E non solo. Mailchimp non limita solo il numero di contatti, come è consuetudine, ma anche il numero di email inviabili, che non lo è. A ciò si aggiungano le caratteristiche inferiori su tutta la linea, gli add-on a pagamento come le email transazionali, che sono vendute come un servizio del tutto separato, e un piano di base scadente e per ottenere lo stesso livello di servizio di altre piattaforme, con Mailchimp occorrerà pagare molto, molto di più.

Poi, se si ha voglia di spendere un po’ di più, Mailchimp ha anche lanciato i propri negozi online con il piano Websites & Commerce. Il piano include una funzionalità di prenotazione di appuntamenti ed è possibile costruire cataloghi di prodotti e gestire ordini e spedizioni. A tale proposito esistono un piano gratuito e due piani a pagamento. Più si paga, più basse sono le spese di transazione che gli utenti devono sostenere. Certo, è un’altra funzione che Mailchimp può aggiungere al proprio monopolio, ma occorre tenere presente che si tratta di un’altra spesa in aggiunta a tutto ciò che abbiamo già detto.

Mailchimp non offre rimborsi ai clienti insoddisfatti e non ci sono sconti disponibili per piani a lungo termine. L’unica modalità possibile è il pagamento mensile. Per chi sente ancora l’impellente bisogno di separarsi dai propri soldi, Mailchimp accetta carte di credito e PayPal.

Confronto

Come MailChimp si confronta con la concorrenza?

Active CampaignConfronta4.8Confronta
Constant ContactConfronta4.8Confronta
MailChimpConfronta4.2Confronta
StreamSendConfronta3.9Confronta

Recensioni degli utenti

Sulla base di 11 recensioni in 5 lingue
3.7
Sii il primo utente a lasciare una recensione su MailChimp in italiano!
Scrivi una recensione
Puoi leggere le recensioni degli utenti in altre lingue
Rispondi alla recensione
Rispondi
Visita MailChimp
reply
it
Errore
onclick="trackClickout('event', 'clickout', 'Visit User Reviews', 'mailchimp', this, true);"
View 1 reply
Visualizza %d risposte
avatar
1
Mari Sa
Stati Uniti
07 Giugno 2021
The worst customer service, they don’t understand, never get issues resolves

I would give them 0 stars if I could. If you think you’ll ever need customer support, don’t use MailChimp. I feel like I’m talking to a wall when I contact their support team and often have to repeat myself. They don’t have phone support. Sometimes the wait for chat support can be up to 15 minutes long. Any time I have an issue, I have to expect I will at least be on chat support for a half hour to 45 minutes going back and forth with them. I also use HubSpot and this is not the case with HubSpot. HubSpot’s support is fast and knowledgeable. I’m feeling very frustrated using MailChimp.

avatar
5
Helmut
Russia
20 Aprile 2020
Convenient letter delivery service

Through Mailchimp, I set up a sales funnel for one of my customers. 1. Convenient analytics system with wide functionality. Easily track conversions and bounce rates. 2. Convenient forms for creating letters and the ability to insert your own code. 3. High-quality anti-spam system.

avatar
5
Wilmer Palma
Spagna
04 Gennaio 2020
Every campaign we develop with Mailchimp is a resounding success.

To talk about Mailchimp is to talk about excellence, popularity and at the same time of simple software management. Using this software is simple and from the first moment we run into this program, we easily understand what each of its functions is about. One of them is the possibility of programming emails that monitor each of the purchases made by our customers. This helps us to know what types of tastes are handled among our comparators and based on that know a little more their interests. Based on this, we design successful strategies to recommend to our customers new products that are coming to market and that we market. However, although the service is very complete and covers the needs of our company in terms of tools for digital marketing, I think the prices of premium plans are a bit high. Other services offer cheaper packages that offer the same functions. In general, Mailchimp has allowed us to make everything related to marketing through email from our business easier. This software automates a part of the process which has made us save time and raise efficiency levels in terms of making our brand known. The work team quickly became familiar with the tool, which has undoubtedly been a great advantage. Mailchimp came to our hands to make us more prosperous and lucky. Mailchimp also offers a very interesting free version that allows you to reach up to two thousand contacts and that can be used so that those people who have not yet used this tool know a little more about it. In general, it is very easy to use software. I assure you that from the first day you open the application you will feel comfortable handling it because its interface is very intuitive.

avatar
4
anonymus
Venezuela
17 Novembre 2019
A powerful program that will allow you to reach thousands of contacts and conquer new customers

Mailchimp is a very versatile program that has the characteristic of being able to adapt to any type of company, large or small. This service allows you to develop the best and most successful marketing campaigns through email. Mailchimp puts templates at our disposal to give it the professional touch that each of our campaigns requires in addition to making them in the shortest possible time. On the other hand, Mailchimp offers a free version that allows you to reach up to two thousand contacts. It is very good and complete. If you want to expand the number of people to reach a lot more then you can choose between several plans that do not exceed $ 80 per year. Mailchimp really is a great solution.

avatar
5
Ariel Cohen
Macedonia
26 Maggio 2018
MailChimp Review

I compare this tool with Get response which send a watermark (signature) in each mail, that is advertising them more than it shares my messages… I like the interface. It used to be not as good for the autoresponder, but they fixed it lately (notice if you want to edit a message, you need to pause it first… Why the @$##@$%). Other than that, it works like charm, they have good Q&A and I recommend using them.

avatar
5
sonam
Stati Uniti
07 Luglio 2017
MailChimp Review

MailChimp is the most optimal newsletter distribution system for www.hecmo.com. It's easy to operate and it's constantly updated, effortlessly improving your productivity and performance. We choose to use MailChimp because of the great balance of features and the reasonable pricing. Also, we are very satisfied with the response from the support team - it seems that the company has the same values as us, and puts the customer above all else.

avatar
5
hecmo.com
Stati Uniti
03 Luglio 2017
MailChimp Review

MailChimp’s robust marketing automation makes sure your emails get to the right people at the right time. Target customers based on behavior, preferences, and previous sales. And when you’re finished, get in-depth reporting insights to make every automated series you send better than the last. By-Hecmo.com

MailChimp Recensione: Conclusione

Non sono mai contento di scriverlo, ma la situazione nel 2021 è chiara: Mailchimp non rappresenta una buona offerta. È troppo costoso, poco funzionante, pieno di bug e senza qualità che valgono effettivamente la spesa.

Meglio evitare Mailchimp e cercare delle alternative. GetResponse e Sendinblue sono migliori. Molto migliori. La maggior parte dei servizi lo è, perché almeno in qualche modo mantengono le promesse e sono presenti quando si ha bisogno. Attualmente non si può dire lo stesso di Mailchimp.

Domande frequenti

C’è qualcosa che funziona in Mailchimp?Non definirò Mailchimp orribile, ma si può fare di meglio. I nostri test dimostrano che, a prescindere da budget e complessità necessarie, sono sempre presenti alternative migliori rispetto a Mailchimp.Quali servizi sono migliori di Mailchimp?Non sono così contento di scriverlo, ma la maggior parte delle piattaforme di email marketing sono superiori. Dopo essersi iscritti a decine di servizi e averli provati, i nostri esperti hanno scoperto che non c’è praticamente nessuno scenario in cui Mailchimp risulti superiore. Consigliamo di dare un’occhiata al nostro elenco di servizi o semplicemente di rivolgersi a GetResponse se si è a corto di tempo.Mailchimp è gratuito da usare?Tecnicamente è presente un piano gratuito. Tale piano però richiede ore e ore di impostazione iniziale ed è così limitato che si sente da subito il bisogno di passare a un piano superiore. È gratuito se il proprio tempo non vale nulla e se non si è interessati alla qualità. In caso contrario, rivolgersi a Sendinblue, che offre un piano gratuito che effettivamente vale la pena provare.Sendinblue è migliore di Mailchimp?Sì, praticamente in ogni aspetto. Entrambe le piattaforme offrono piani gratuiti, ma Sendinblue è avanti anni luce in termini di caratteristiche e molto meno limitato. Per quanto riguarda i piani a pagamento, il confronto diventa quasi una barzelletta: i piani premium di Sendinblue sono estremamente affidabili, mentre quelli di Mailchimp sono poco funzionanti e praticamente privi di supporto.

Ben Sarid Ben Sarid
Ben è un appassionato web developer che adora maneggiare codici, sia nel back-end che nel front-end. È alla perenne ricerca del miglior host di siti web al mondo, ma si impegna anche nel cercare dei momenti liberi per coltivare i suoi altri interessi: i fumetti, i viaggi, e la cucina.

MailChimp Alternative

57415
imageServizio di marketing via e-mail #1 per il Ottobre 2021

Converti i tuoi lead in VENDITE!

Usa GRATIS modelli di e-mail e funnel di vendita già pronti
per automatizzare il flusso di lavoro
e far crescere il tuo business