Classifichiamo i fornitori in base a test e ricerche rigorosi, ma teniamo anche in considerazione la tua opinione e i nostri accordi commerciali con gli stessi fornitori. Questa pagina contiene link di affiliazione.Informativa sulla pubblicità.
  1. Website Planet
  2. >
  3. Blog
  4. >
  5. Come fare dropshipping su Shopify: Guida per principianti [2023]

Come fare dropshipping su Shopify: Guida per principianti [2023]

Emma Ayres Emma AyresEsperto dello sviluppo di siti web 19 Settembre 2023
19 Settembre 2023
Se stai pensando di entrare nell’e-commerce o di avviare un’attività secondaria remunerativa, è altamente probabile che tu abbia preso in considerazione il dropshipping. Grazie ai minori oneri di apertura e ai ridotti rischi che si corrono nel caso in cui il negozio non venda, è un’ottima alternativa all’e-commerce “tradizionale” per gli imprenditori in erba.

Ma come per qualsiasi avventura imprenditoriale, anche in questo caso avrai bisogno di un’attenta pianificazione, a cominciare dalla ricerca della giusta piattaforma di e-commerce. La mia soluzione preferita per il dropshipping è Shopify: offre tantissime integrazioni per il dropshipping, ottime opzioni di personalizzazione e perfino assistenza tramite guide e un sistema a ticket in lingua italiana per aiutarti a creare il tuo brand di dropshipping.

Inoltre, Shopify è fatto a misura di principiante e risulta facile da usare anche per chi non ha mai usato un costruttore di siti web prima d’ora. Il suo editor può essere visualizzato in italiano, perciò non avrai problemi di traduzione. È la soluzione ideale se vuoi iniziare a fare dropshipping ma non sai da dove iniziare. Adesso, senza ulteriori indugi, vediamo come configurare un negozio di dropshipping su Shopify.

Perché Shopify è ottimo per fare dropshipping?

Sebbene molte piattaforme di e-commerce sostengano di supportare il dropshipping, poche offrono la vastissima gamma di funzionalità per il dropshipping di Shopify. Tra le sue oltre 8.000 app, ne troverai più di 400 dedicate esclusivamente al dropshipping e al print on demand, con centinaia di migliaia di prodotti disponibili tra cui scegliere. Molte offrono funzioni di automatizzazione degli ordini, in modo da non dover inviare manualmente gli ordini ai fornitori quando un cliente effettua un ordine da te.

Shopify's dropshipping apps
La varietà di app per il dropshipping di Shopify supera notevolmente quella delle altre piattaforme di e-commerce
Avrai inoltre bisogno di tutto ciò che occorre per fare in modo che il tuo brand si distingua dalla concorrenza. Troverai oltre 100 modelli gratuiti e a pagamento per lanciare subito il tuo brand, oltre a migliaia di altri modelli di terze parti online. Potrai anche aggiungere del codice personalizzato a qualsiasi modello per renderlo unico nel suo genere. Dato che ci saranno altri negozi ad offrire prodotti simili, per avviare un’attività remunerativa è fondamentale che il tuo brand si distingua.

Shopify mette a disposizione diverse guide per aiutarti a far decollare la tua attività di dropshipping. Potrai usufruire di numerosi tutorial e corsi gratuiti per imparare tutto, dall’individuazione di una nicchia remunerativa alla commercializzazione dei prodotti selezionati. E se questo non fosse abbastanza, l’assistenza di Shopify disponibile 24/7 potrà guidarti nella giusta direzione.

Non fraintendere: Shopify non è la risposta adeguata per tutti. Se vendi prodotti come alcolici, prodotti per il vaping o anche pezzi di ricambio per auto, non potrai utilizzare tutti gli strumenti per l’e-commerce di Shopify. Come vedrai fra poco, però, le normative su questi prodotti non sono così severe come quelle previste da altre piattaforme o marketplace.

Per quali prodotti posso fare dropshipping su Shopify?

Quasi tutte le piattaforme di e-commerce regolano i prodotti che puoi vendere. Non gradiscono collaborare con truffatori, imbroglioni e aziende che commercino prodotti illegali. Non importa quale piattaforma utilizzi per il dropshipping: Shopify non fa eccezione a questa regola.

Indicazioni sulla terminologia

Se un articolo è vietato, non lo puoi vendere. Se un articolo è soggetto a restrizioni, si applicano delle condizioni aggiuntive. Queste condizioni possono consistere nell’utilizzo di uno specifico gateway di pagamento, nella richiesta di fornire una licenza o nella vendita dell’articolo solo presso determinati Paesi.

Shopify vieta espressamente la vendita di:
  • Alcune armi da fuoco e parti di esse
  • Articoli e contenuti illegali
  • Articoli e contenuti che infrangano le leggi sul copyright o sul trademark
Tutto qui. L’elenco dei prodotti soggetti a restrizioni, però, è molto più lungo.

I prodotti soggetti a restrizioni su Shopify includono:
  • Articoli sottoposti a limitazioni d’età, come alcolici e tabacco
  • Stupefacenti e materiale per stupefacenti
  • Servizi finanziari, incluse le criptovalute
  • Dispositivi e accessori medici
  • Armi ed esplosivi, compresi fuochi d’artificio
Se vendi un prodotto soggetto a restrizioni, non potrai fare uso di alcune funzioni di Shopify come l’app Shop o il gateway di pagamento di Shopify. Inoltre, per vendere certe categorie di articoli come i dispositivi e gli accessori medici, potresti dover fornire una licenza per la vendita di questi prodotti.

Non lasciarti però scoraggiare dalla possibilità di usare Shopify. In realtà, le norme sugli articoli di Shopify sono molto più flessibili rispetto a quelle di altre piattaforme o marketplace. WooCommerce, per esempio, vieta categoricamente la vendita di alcolici e tabacco.

Normative sui prodotti e gateway di pagamento

Shopify Payments non è l’unico gateway di pagamento a limitare i prodotti che puoi vendere: la maggior parte dei gateway, infatti, ti permette di farne uso solo per articoli “a basso rischio”. Allo stesso modo, la maggior parte dei processori di pagamento collaborerà solo con imprese che operino in settori a basso rischio. Sebbene non ci sia una normativa precisa su quali prodotti siano ammessi, la linea guida migliore da seguire è che se il prodotto è soggetto a limiti di età, allora è probabile che si tratti di un articolo ad alto rischio.

Prima di impegnarti nel dropshipping di questi prodotti, assicurati che il gateway e il processore di pagamento da te scelti ammettano le imprese ad alto rischio nel quadro dei loro termini di servizio. Diversamente, rischi di non poter aprire un conto commerciale o di trovarti con il conto chiuso senza preavviso. Per saperne di più sui conti commerciali ad alto rischio, dai un’occhiata alla nostra recensione di PaymentCloud da parte di un esperto: è uno dei migliori processori per le attività ad alto rischio.

Come iniziare a fare dropshipping su Shopify: guida passo dopo passo

1. Fai ricerche sul prodotto, sulla nicchia e sui clienti

Per prima cosa, dovrai capire se il tuo prodotto sia redditizio. Verificare se esista domanda per gli articoli che vuoi vendere è relativamente facile, per fortuna, perché Shopify pubblica regolarmente degli elenchi accurati di articoli di tendenza. Puoi anche sfruttare Google Trends per vedere dove, quando e fino a che punto gli utenti cerchino articoli simili.

google trends search
Assicurati di impostare un intervallo di tempo di almeno un anno, in modo da capire se gli articoli presentino tendenze stagionali o continuative
Ma non basta trovare un prodotto di tendenza. Devi anche individuare una nicchia di mercato con poca concorrenza. Tieni presente che c’è una linea sottile tra una nicchia redditizia e una troppo limitata perché attragga un numero sufficiente di acquirenti. Se scorri la pagina dei risultati di Google Trends, potrai vedere argomenti correlati e query di ricerca che possono aiutarti a individuare le nicchie di mercato relative al tuo prodotto.

Esplorare queste tendenze costituisce anche una tappa fondamentale per definire il tuo pubblico di riferimento. Come per le nicchie, ti conviene definire un pubblico di riferimento circoscritto che non limiti troppo le tue vendite. Nel corso delle ricerche, prendi nota di chi acquisterebbe l’articolo, di come lo ha trovato, di come potrebbe trarne beneficio e altre cose ancora. Inizierai così a definire delle buyer persona, oltre a stabilire se la tua nicchia di mercato è redditizia o se invece hai bisogno di modificare la rotta.

Un consiglio per la traduzione: traduci il tuo negozio online con Weglot

Se vuoi espandere il tuo mercato di riferimento al di fuori della Russia, scarica l’app Weglot per effettuare la traduzione del tuo negozio online. Se il contenuto è ridotto (meno di 2000 parole) e devi tradurre in una lingua sola, Weglot lo farà gratuitamente.

Consiglio importante: ricerca di mercato e branding

Mentre fai ricerche di mercato, tieni sotto controllo tutto ciò che può influenzare il tuo branding. È per questo che è così fondamentale studiare la concorrenza: potrai farti un’idea di come le altre aziende costruiscano il proprio brand. Riflettici mentre fai le tue ricerche, per risparmiare tempo una volta che avrai iniziato a occuparti dell’aspetto e dello stile del tuo negozio online.

2. Configura il tuo negozio su Shopify

Bene, hai identificato un’ottima nicchia per fare dropshipping e hai elaborato alcune idee per il branding: stai andando alla grande! È arrivato il momento di mettere in pratica tutto quanto. Non dovrai ancora spendere soldi per il momento: puoi iniziare a usare Shopify con una prova di 3 giorni. Non è molto lunga, ma se ti serve ulteriore tempo, potrai in genere chiedere un’estensione una tantum all’assistenza clienti.

Al momento della creazione del negozio su Shopify, dovrai rispondere ad alcune domande riguardanti la tua attività. Più informazioni fornirai, più personalizzata sarà la checklist di avvio rapido che troverai nella tua dashboard. Puoi affrontare i punti uno alla volta oppure scegliere le parti del tuo negozio su cui lavorare per prime.

Ti consiglio di creare il negozio prima di decidere quali prodotti vendere. Per farlo, clicca su Personalizza il tema sulla tua checklist per passare alla pagina Temi. Troverai oltre 100 temi, ma solo 11 sono gratuiti. Per fortuna, tutti i temi offrono diverse opzioni di personalizzazione per renderli più adatti alle tue esigenze.

Copy of Copy for Translation_ How to Dropship On Shopify __IMAGES__
Mi piace molto che l’editor di Shopify includa un catalogo di immagini stock, così da evitare di dover passare continuamente da una scheda all’altra
Tieni solo presente che i layout delle pagine degli articoli sono stabiliti dal tema scelto. Potrai modificare solo il layout della tua homepage. Se nessuno dei temi di Shopify dovesse fare al caso tuo, troverai comunque migliaia di modelli di terze parti online, perciò avrai l’imbarazzo della scelta.

Consiglio importante: ragione sociale e dominio personalizzato

Quando crei un account su Shopify, riceverai un sottodominio gratuito (.myshopify.com) che corrisponderà alla tua ragione sociale. Non ti conviene però pubblicare il sito sotto questo sottodominio. Un nome di dominio personalizzato faciliterà la ricerca del tuo negozio da parte dei clienti, oltre a farlo percepire come più affidabile.

Nel caso ideale, conviene disporre di un nome di dominio personalizzato che rispecchi esattamente la tua ragione sociale. Ti consiglio di acquistare il dominio fin da subito durante il processo di personalizzazione, in modo da scongiurare il rischio di innamorarsi di una ragione sociale senza nomi di dominio corrispondenti.

3. Collega un’app di dropshipping

Una volta soddisfatto dell’aspetto del tuo negozio, dovrai aggiungere i prodotti da vendere tramite dropshipping. Shopify rende tutto questo più semplice grazie alle app di dropshipping. Per cercare nell’app store, puoi navigare direttamente al suo interno oppure cliccare su Prodotti e selezionare l’opzione per trovare i prodotti da vendere per passare direttamente all’app store dedicato al dropshipping. Qui troverai oltre 400 app di dropshipping, quindi prenditi tutto il tempo necessario per trovarne una (o più di una!) che faccia al caso tuo.

Sebebene alcune app di dropshipping prevedano dei piani gratuiti, dovrai pagare un canone mensile per sfruttare al massimo queste app. Questo perchè i piani gratuiti limitano spesso la quantità di prodotti, il numero di ordini che si possono effettuare o quanti negozi si possono avere. Spocket, per esempio, ti permette di fare dropshiping da AliExpress gratuitamente, ma non potrai scegliere alcun prodotto che sia esclusivo di Spocket.

Una volta individuata un’app di dropshipping di tuo gradimento, clicca su Aggiungi app.

Spocket on Shopify 1
Spocket semplifica la ricerca di più fornitori di dropshipping in una volta sola
La pagina successiva mostrerà i dati raccolti dall’app e gli eventuali permessi di modifica richiesti. Dedica un po’ di tempo a rivedere questi dati: avrai bisogno di sapere come vengano utilizzati i dati dei clienti in un secondo momento per definire la tua politica sulla privacy. Se tutto sembra a posto, clicca su Installa app.

sprocket on shopify 2
Scorri questa pagina per visualizzare un elenco completo dei dati raccolti e dei permessi richiesti dall’app
Cominciamo a reperire i prodotti! Il metodo esatto da adottare dipende dall’app utilizzata. Potrai aggiungere i prodotti a un elenco di articoli importati mentre cerchi tra i fornitori. Una volta trovato un elenco di prodotti che ti soddisfano, potrai importare questi articoli nel tuo inventario di Shopify.

Spocket's AliScraper app
AliExpress è un ottimo fornitore con cui iniziare, dato che propone costantemente delle offerte sui suoi prodotti
Da qui puoi modificare la pagina del prodotto per variarne il prezzo, aggiungere altri dettagli e altre cose ancora. A questo punto dei miei test, purtroppo, sono incappata in un grosso ostacolo: Il servizio di verifica di AliExpress non funzionava, perciò non sono riuscita ad importare alcun articolo. Tutto ciò che ho, quindi, è una pagina prodotto di base che ho realizzato per mostrarti le impostazioni che è possibile modificare.

shopify add product page
È qui che mostrerei uno screenshot di un prodotto importato… se ne avessi uno da mostrare!

4. Verifica la conformità della tua attività

Prima di pubblicare, devi assicurarti che la tua attività sia in regola con le normative vigenti. C’è una lunga lista di cose che dovrai risolvere e non ho spazio a sufficienza per elencarle qui. Passerò quindi a descrivere i passaggi più importanti.

Hai bisogno di una partita IVA nell’UE? In generale, se vuoi vendere in altri Paesi dell’UE, devi registrarti presso le autorità fiscali del tuo Paese per addebitare l’IVA. Se superi una certa quota di vendite in un altro Paese dell’Unione Europea o se hai un’importante presenza commerciale in quel territorio, potresti doverti iscrivere al regime One-Stop Shop (OSS). In alternativa, contatta le istituzioni competenti e procedi a registrarti presso di esse. Tieni presente che potrebbero essere applicate delle esenzioni dall’IVA in base alle tue vendite annuali.

Serve una licenza commerciale per vendere negli Stati Uniti? Gli Stati richiedono licenze solo se hai un negozio fisico, ma alcuni Stati potrebbero richiedere licenze per i negozi di e-commerce. Vale la pena considerare anche la possibilità di procurarsi un resale certificate. ,che ti permette di vendere i prodotti che acquisisci dai fornitori senza pagare l’imposta sulle vendite. Con la crescita della tua attività, questa esenzione potrebbe farti risparmiare soldi.

A tale proposito, ti consiglio di registrare la tua attività non appena inizi a vendere online. È probabile che dovrai registrarti per ottenere le licenze elencate sopra, in più ti risparmierai eventuali grattacapi fiscali in un secondo momento.

Consiglio prezioso: registrazione dell’attività

Sebbene il dropshipping sia un’attività relativamente poco rischiosa rispetto al normale e-commerce, vale la pena di prendere in considerazione la possibilità di registrare la propria attività come LLC. Pagherai un po’ di più, ma manterrai la tua attività giuridicamente separata dalla persona fisica. La maggior parte dei servizi per LLC offre un supporto aggiuntivo per quanto riguarda gli adempimenti di legge, per cui sono la soluzione ideale per chi si affaccia per la prima volta al mondo dell’e-commerce.

Assicurati che il tuo sito web preveda un’informativa sulla privacy per i tuoi clienti. Si tratta di un elemento fondamentale per le imprese di dropshipping, perché non sarai l’unico a utilizzare i dati dei tuoi clienti: questi verranno inviati ai tuoi fornitori attraverso le app di dropshipping che utilizzerai. Diverse leggi sulla sicurezza dei dati impongono di adottare politiche sulla privacy, inoltre queste informative ispirano fiducia nella tua azienda.

Infine, devi rispettare varie leggi sulla sicurezza e sulla privacy. Come minimo, dovrai rispettare gli standard PCI-DSS (per i dati finanziari) e COPPA (per la privacy dei minori di 13 anni). A seconda della località in cui vivono i tuoi clienti, potresti dover rispettare anche il GDPR o il California Privacy Act.

Consiglio prezioso: conformità allo standard PCI

La conformità allo standard PCI è complicata, ma non temere: se farai uso di Shopify Payments, sarai automaticamente conforme allo standard PCI. Dovrai invece provvedere te stesso alla conformità con gli altri gateway di pagamento. Tuttavia, qualsiasi valido processore di pagamenti aiuterà la tua impresa a ottenere e rispettare la conformità allo standard PCI.

5. Commercializza i tuoi prodotti

Il passo finale è quello di commercializzare i tuoi prodotti. Grazie alle tue ricerche precedenti, per fortuna, sei già in vantaggio! Dal momento che sai già chi sono i tuoi clienti, puoi sfruttare questi dati per trovare gli spazi più frequentati da queste persone.

Naturalmente, non basta pagare per gli annunci sui forum di nicchia e sui social network per poter dire di fare marketing. L’e-mail marketing, il content marketing e le strategie SEO lavorano fianco a fianco con il marketing a pagamento per portare più clienti sul proprio sito web. Dovrai investire in tutti questi metodi per elaborare una strategia di marketing olistica che promuova il tuo brand.

Addentrarsi nel mondo del marketing è a dir poco sconvolgente, soprattutto se si è alle prime armi in questo campo. Shopify, però, ti coprirà le spalle. Oltre a offrire tantissime guide gratuite e corsi di marketing, infatti, è dotato di uno strumento di e-mail marketing integrato. Shopify Email ti permette di inviare 10.000 e-mail gratuite al mese e tutte le e-mail successive verranno pagate con tariffa a consumo, permettendo di contenere le spese generali.

Shopify Email templates
I modelli di Shopify Email sono piuttosto essenziali, ma per essere un servizio gratuito non sono affatto tremendi
Per tutto il resto, Shopify offre migliaia di app di marketing gratuite e a pagamento. Oltre alle tipiche app di marketing che sono normalmente disponibili (come gli strumenti di ottimizzazione SEO e altre integrazioni), potrai trovare anche strumenti per capire come i clienti navighino sul tuo sito. Sono fantastici per ottimizzare il tuo sito semplificando la ricerca dei prodotti da parte dei clienti e ti aiutnao a fare upselling degli articoli correlati.

Il marketing ð fondamentale per qualsiasi impresa, ma lo è ancora di più per i negozi in dropshipping. Dato che gli altri negozi venderanno i tuoi stessi prodotti, per distinguerti dovrai disporre di un ottimo brand. Per quanto i brand si costruiscano attraverso siti web ben progettati, essi si rafforzano anche grazie ai tuoi sforzi di marketing.

Consiglio prezioso: E-mail marketing

Per quanto Shopify Emails risulti utile, non è il massimo per l’e-mail marketing. Con il crescere del tuo negozio, è molto probabile che lo strumento di base incorporato non sia più sufficiente. I nostri recensori esperti di e-mail marketing hanno testato tutti i servizi di e-mail marketing più diffusi in grado di integrarsi con Shopify. Dai un’occhiata ai nostri 10 migliori strumenti di e-mail marketing del 2023 per trovare il migliore per la tua attività.

Fare dropshipping su Shopify è una buona idea?

Shopify è una delle migliori piattaforme di e-commerce per il dropshipping. Non è solo facile da usare per i principianti, ma troverai anche molte opzioni di personalizzazione per sviluppare il tuo brand. Inoltre, grazie alle oltre 400 app per il dropshipping, potrai trovare un fornitore, ricercare i prodotti e importarli nel tuo negozio in pochi minuti. Grazie allo strumento di e-mail marketing integrato e alle migliaia di app per il marketing, potrai beneficiare di una notevole assistenza per la promozione del tuo brand e dei tuoi prodotti.

È vero, non è la piattaforma di e-commerce con dropshipping più economica in circolazione. Si ottiene ciò che si paga, però. In base alla mia esperienza, nessun’altra piattaforma supporta – né incoraggia – il dropshipping al pari di Shopify. Quindi, sebbene dovrai pagare un canone mensile più alto per usufruire di Shopify (nonché, opzionalmente, delle app a tua scelta), potrai godere di un’esperienza molto più fluida e con meno restrizioni.

shopify logo alt 1

Risparmia fino al 25 % per il tuo piano Shopify!

L’offerta è a tempo limitato, non perdertela!

293 utenti hanno utilizzato questo coupon

Domande frequenti

Fare dropshipping su Shopify è ancora redditizio?

Sì! Fare dropshipping su Shopify è comunque vantaggioso per chi è pronto a esplorare nicchie di mercato remunerative e commercializzare i propri articoli. Questa piattaforma di e-commerce ti offre tutti gli strumenti di cui hai bisogno per costruire il tuo business: sta a te metterli a frutto.

Posso fare dropshipping su Shopify senza spendere soldi?

Purtroppo no. La prova di Shopify dura solo tre giorni e per pubblicare il tuo sito web dovrai fare l’upgrade a un piano a pagamento. Tuttavia, potrai iniziare a usare le app per il dropshipping di Shopify gratuitamente. Molte app di dropshipping offrono un piano limitato gratuito: un ottimo modo per testare diversi fornitori e ridurre le spese generali nella fase di lancio dell’attività.

Serve una LLC per fare dropshipping su Shopify?

No, ma è una buona idea registrare la propria attività di dropshipping come LLC. Sebbene sia un costo aggiuntivo (e forse non immediatamente sostenibile), merita di essere sostenuto per la protezione aggiuntiva che offre. Una LLC stabilisce una separazione giuridica tra te e la tua attività, in modo che se qualcosa va storto, i tuoi averi saranno al sicuro.

Shopify è adatto ai principianti?

Sì! Shopify è una delle mie soluzioni preferite per i principianti dell’e-commerce. Offre un ampio supporto per aiutarti a organizzarti oltre a centinaia di guide e corsi gratuiti che trattano di tutto, dalle basi del business alle strategie di marketing avanzate. Se non hai mai realizzato un sito web o provato a fare dropshipping, Shopify è la soluzione giusta!

Valuta questo articolo
4.0 Votato da 2 utenti
Hai già votato! Annulla
Campo richiesto Maximal length of comment is equal 80000 chars La lunghezza minima del commento è di 10 caratteri
Hai qualche commento da fare?
Rispondi
Visualizza %s risposte
View %s reply
Articoli correlati
Mostra più articoli correlati
Controlliamo tutti i commenti degli utenti nel giro di 48 ore, per assicurarci che provengano da persone reali come te. Siamo lieti che questo articolo ti sia stato utile e apprezzeremmo davvero se spargessi in giro la voce.
Popup final window
Condividi subito questo post con amici e colleghi:

We check all comments within 48 hours to make sure they're from real users like you. In the meantime, you can share your comment with others to let more people know what you think.

Una volta al mese riceverai interessanti suggerimenti, trucchi e consigli dettagliati per migliorare le prestazioni del tuo sito web e raggiungere i tuoi obiettivi di digital marketing!

Sono davvero felice che ti piaccia!

Condividi con i tuoi amici!

3157749
100
5000
64934970