1. Website Planet
  2. >
  3. Blog
  4. >
  5. Le 6 alternative migliori a PayPal – Aggiungile al tuo store online nel 2019

Le 6 alternative migliori a PayPal – Aggiungile al tuo store online nel 2019

James Guill
James Guill
69
12 Agosto 2019

PayPal è il re degli eWallet e il processore di pagamenti più popolare per le attività online. Per molti store online, questo è l’unico metodo di pagamento offerto. Se sei uno di questi, forse ti stai assumendo un rischio non necessario. Esistono svariate insidie associate all’accettazione dei pagamenti solo con PayPal.

4 motivi per offrire opzioni di pagamento diverse da PayPal

PayPal è uno dei metodi di pagamento online più datato e uno dei più popolari, ma ci sono molteplici motivi per cui non dovresti avere un unico processore dei pagamenti.

  1. Alcuni utenti non usano PayPal – Per una miriade di motivi, molte persone non possono o non usano PayPal. In alcuni paesi, inclusi Bielorussia, lo Zimbabwe, Birmania e vari paesi del Medio Oriente, PayPal è vietato. Altri hanno avuto una brutta esperienza con questo sistema di pagamenti, oppure hanno subito la sospensione dell’account PayPal. Alcuni soggetti più attenti alla privacy e quelli che si fidano meno di internet non vogliono collegare il proprio account PayPal al conto corrente bancario.
  2. Le commissioni di PayPal sono elevate, soprattutto a livello internazionale – Qualsiasi pagamento si accetta negli Stati uniti è soggetto a una commissione di $0.30 più il 2,9% della vendita. Questo significa $3.20 su ogni $100 di vendita. Se vendi a livello internazionale, questa commissione passa al 4,4% più una commissione fissa sulla base della valuta ricevuta.
  3. La protezione dei pagamenti spesso agisce contro le attività – Chiunque abbia avuto un addebito o un rimborso con PayPal o con la sua consociata eBay sa che la protezione dei pagamenti di PayPal tende a favorire il cliente piuttosto che l’attività. Inoltre, un cliente ha a disposizione sei mesi per fare un reclamo nei tuoi confronti. Questo ha portato a molte frodi, che possono essere costose soprattutto per le attività più piccole.
  4. Evitare restrizioni dell’account – Le attività che utilizzano PayPal come unico sistema di pagamento rischiano di avere delle interruzioni se PayPal decide di sospendere o chiudere il tuo account. Il processore di pagamento è famoso per le restrizioni e le chiusure degli account senza avviso e per motivi assurdi.

Se stai cercando di aggiungere delle alternative di pagamento al tuo sito o di abbandonare completamente PayPal, ecco qualche opzione da prendere in considerazione.

Le 6 alternative migliori a PayPal – Aggiungile al tuo store online nel 2019

Stripe

Stripe è un’ottima alternativa a PayPal che ti consente di accettare pagamenti da 25 paesi, inclusa Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, Stati Uniti, Regno Unito, Spagna e Giappone. Malgrado la lista limitata, sembra che poco alla volta stia crescendo. Stripe ti consentirà di ricevere molteplici forme di pagamento, incluse carte di credito. E tutti i pagamenti sono ottimizzati per i dispositivi mobili. È possibile ricevere pagamenti in 100 valute, facilitando l’acquisto da parte dei clienti internazionali. L’unica cosa da ricordare è che le commissioni sono simili a PayPal: 2,9% + $0.30 a transazione.

Negli ultimi anni, Stripe si è concentrata su un’espansione globale il cui punto di forza delle vendite è la flessibilità dei pagamenti. È stato particolarmente rivoluzionario nei paesi nordici e in paesi come la Svezia, che è diventata una delle prime società davvero senza contanti. La possibilità di pagare su Stripe con una miriade di metodi elettronici consente una maggiore flessibilità e accesso ai fondi.

Non sorprende il fatto che Stripe fornisca un’integrazione API per un’ampia gamma di website builder inclusi GoDaddy e Wix. Sul sito web di Stripe è disponibile un elenco dei builder compatibili e delle piattaforme di software.

Authorize.net

Uno dei processori di pagamento più professionali che troverai è Authorize.net. Il suo sistema è molto popolare con store online e un’interfaccia facile da usare. Più di 400.000 utenti utilizzano il servizio e offre assistenza 24/7. Fornisce inoltre un’app mobile gratuita e uno swiper per le vendite online. Bisogna notare che questo servizio è un po’ più costoso rispetto ad altre alternative ($49 per la configurazione e $25 per il gateway), pertanto le piccole attività e/o quelle con transazioni non frequenti potrebbero non beneficiare di questa opzione.

È possibile aggiungere Authorize.net su un’ampia gamma di site builder. Ci sono più di 160 partner certificati che consentono l’integrazione di Authorize.net, inclusi WooCommerce e ShopSite

Dwolla

Dwolla è un altro servizio di pagamento simile a PayPal, ma con commissioni più basse. Gli utenti di Dwolla possono pagarti direttamente e devono condividere solo il loro indirizzo e-mail o numero di telefono, pertanto si riduce il rischio di furto d’identità. L’aspetto migliore di Dwolla è la commissione minima. Sulle vendite inferiori a $10 non si applica alcuna commissione. Tutte le altre transazioni sono soggette a una commissione di soli $0.25 a prescindere dall’importo.  Ha un duplice svantaggio: Dwolla è limitato solo agli utenti degli Stati Unti ed è possibile collegare solo il proprio conto corrente bancario.

Dwolla è perfetto per le attività medio-piccole perché consente di elaborare micro-pagamenti. Se hai un sito web creato attraverso servizi come Spotify o Ecwid, è possibile aggiungere Dwolla come opzione di pagamento.

Skrill

Negli ultimi anni, Skill è diventata una delle alternative principali a PayPal. Con Skrill, è possibile accettare pagamenti da oltre 200 paesi e in 40 valute. L’aspetto migliore riguarda le commissioni sulle transazioni. Paghi solo una commissione dell’1% sul denaro inviato, ossia $1 per $100 di vendite. Tuttavia, per quanto riguarda gli aspetti negativi, si segnala che il servizio clienti è mediocre. Inoltre, è fondamentale notare che gli strumenti per la protezione dalle truffe sono simili a PayPal, ci sono state segnalazioni di account bloccati per motivazioni strane. (Ma la frequenza dei reclami per la stessa cosa non è la stessa di PayPal.)

Se desideri aggiungere Skrill come modalità di pagamento, per i siti web offre Quick Checkout e Wallet Checkout. Basta scaricare il programma idoneo e usare la guida di installazione per aggiungere Skrill alla piattaforma inclusi SiteBuilder e Web.com.

Google Wallet

Le 6 alternative migliori a PayPal – Aggiungile al tuo store online nel 2019

Per gli store con sede negli Stati Uniti, Google Wallet è un’eccellente alternativa a PayPal che sta crescendo in termini di popolarità. I clienti possono inviarti il denaro direttamente attraverso il loro saldo di Google Wallet oppure utilizzando il conto corrente bancario, la carta di credito o di debito. Essendo compatibile con tutti i dispositivi mobili, è una delle modalità di pagamento migliori quando si è in movimento.

Il punto di forza maggiore di Google Wallet sono le sue commissioni. Non si applicano commissioni se il cliente paga utilizzando trasferimenti bancari, carte di debito o il saldo del wallet. Il costo per le carte di credito è pari solo al 2,9% delle transazioni, senza ulteriori commissioni, pertanto puoi risparmiare qualche centesimo sulle transazioni con carta di credito.

Google Wallet offre un’integrazione semplice per la maggior parte delle piattaforme di web design. Sono supportati i web builder da Site123 a SimpleSite.

Payoneer

Payoneer è un’altra alternativa che sta conquistando popolarità a livello globale perché è specializzato nell’elaborazione dei pagamenti per freelancer o liberi professionisti. Ha anche la sua rete di pagamenti dove puoi ricevere fondi direttamente da migliaia di società come Fiverr, Upwork, Airbnb, e Wish. È possibile anche richiedere pagamenti direttamente dai clienti e da altri membri di Payoneer. I fondi possono essere inviati direttamente sul tuo conto corrente bancario o sulla tua Payoneer Debit Mastercard.

L’unico inghippo di Payoneer è che ti danneggia poco a poco su tutto. In base a come ricevi i pagamenti, puoi pagare un po’ in più rispetto all’uso di PayPal. I pagamenti inviati direttamente da altri account Payoneer sono gratis. Se fai pagare ai tuoi clienti attraverso Payoneer, pagherai il 3% per le transazioni con carta di credito e l’1% per eCheck.

Coloro che ricevono i fondi attraverso la rete di Payoneer possono essere soggetti a commissioni più alte. Anche sul prelievo dal tuo conto corrente bancario si applica una commissione. Se trasferisci su un conto corrente bancario in una valuta diversa, sarai soggetto a un tasso di conversione dello 0,5% fino a una commissione del 2% sulla transazione totale. Se trasferisci denaro su un conto corrente bancario nella stessa valuta (USD, EUR e GBP), sarai soggetto a una commissione pari a $1.50.

Una differenza di Payoneer rispetto ad altri processori è la procedura di integrazione dell’API. Non offre uno strumento di integrazione automatica o scaricabile. Bisogna invece contattarli direttamente attraverso il sito web per richiedere l’accesso.

Aumenta le vendite – Offri soluzioni alternative a PayPal

La maggior parte di noi ha sentito dire di non fare di ogni erba un fascio, e questo è particolarmente vero per gli store online. Possono sorgere molti problemi quando si utilizza solo PayPal per l’elaborazione dei pagamenti. Innanzitutto, escludi dal tuo store tutti coloro che non usano PayPal. Inoltre, le commissioni applicate da PayPal, soprattutto sui pagamenti internazionali, possono rendere troppo costosi i tuoi prodotti.

Che cosa succede se PayPal decide di limitare o bloccare il tuo account? Non solo perdi la possibilità di accettare pagamenti, ma perdi anche l’accesso ai fondi già ricevuti. A volte questi fondi sono irrecuperabili.

Quando offri molteplici opzioni di pagamento, apri il tuo sito a una base di clienti più ampia. Le opzioni di pagamento che offrono commissioni basse per i clienti internazionali o che accettano molte valute, facilitano l’espansione a livello globale.

Inoltre, molte persone hanno fondi sparsi tra vari account. Ad esempio, i freelancer possono ricevere la maggior parte dei loro fondi tramite Payoneer, mentre altri tramite Google Wallet. Offrendo queste opzioni, si facilita lo spostamento di denaro da parte degli utenti e l’utilizzo per acquistare prodotti, portando così a più vendite.

Utilizzare molteplici processori di pagamento è una scelta intelligente. Consigliamo di offrire almeno tre diversi processori per offrire maggiore flessibilità ai clienti durante la fase di acquisto, per poter coprire tutti i mercati di riferimento e per offrire più modalità di pagamento. Tutto ciò alla fine porterà a più vendite poiché in questo modo rendi più conveniente il pagamento degli ordini ai tuoi clienti.

69 applausi
Applaudi il post se lo hai trovato utile!

Articoli correlati

Mostra più articoli correlati

Hai qualche commento da fare?

0 su almeno 100 caratteri
Pflichtfeld Maximal length of comment is equal 80000 chars La lunghezza minima del commento è di 100 caratteri

Controlliamo tutti i commenti degli utenti nel giro di 48 ore, per assicurarci che provengano da persone reali come te. Siamo lieti che questo articolo ti sia stato utile e apprezzeremmo davvero se spargessi in giro la voce.

Condividi subito questo post con amici e colleghi:

Siamo sicuri che sarà utile per gli altri utenti. Il nostro team esaminerà la recensione e l'approverà entro.

Una volta al mese riceverai interessanti suggerimenti, trucchi e consigli dettagliati per migliorare le prestazioni del tuo sito web e raggiungere i tuoi obiettivi di digital marketing!

Sono davvero felice che ti piaccia!

Condividi con i tuoi amici!