RECENSIONI E OPINIONI DI ESPERTI FlexJobs

Emily Adams
Emily Adams
Esperta in Lavori Freelance

FlexJobs si incentra sul curare delle opportunità di lavoro legittime per i freelancer. Questa è senza dubbio una nobile causa, ma significa anche che FlexJobs si concentra sul semplificare le vite dei freelancer, a volte trascurando i datori di lavoro o complicando loro la vita.

Se stai cercando una piattaforma semplice con la quale ottenere risultati rapidi, dovresti dare un’occhiata a Fiverr, dove potrai trovare dei freelancer professionali a partire da soli $5 a lavoro senza alcun costo di iscrizione.


Panoramica

FlexJobs
FlexJobs si presenta come il sito numero uno per i freelancer che lavorano da remoto

FlexJobs: ne vale la pena?

FlexJobs dichiara di essere il sito numero uno più grande e con più esperienza per ingaggiare freelancer flessibili e che lavorano da remoto. Interessante, no?

L’obiettivo del sito (disponibile esclusivamente in inglese) è aiutare le persone a trovare lavori che si conformino al loro stile di vita, e non il contrario. Ciò sembra senza dubbio conveniente per i freelancer, ma cosa comporta per i datori di lavoro?

FlexJobs dice che, dandoti la possibilità di accedere a diversi tipi di lavoratori, come genitori che cercano di incastrare il lavoro con la vita familiare o i coniugi di persone che, per motivi di lavoro, sono soggette a trasferimenti frequenti, potrai raggiungere un nuovo bacino di talenti al quale altrimenti non avresti potuto attingere.

Il sito web è diviso in due sezioni: una per chi cerca lavoro ed una per chi vuole darne. Per me è qui che risiede il problema principale, perché è ovvio che FlexJobs per funzionare necessiti che entrambi gli elementi del sito funzionino in modo efficace; ma l’enfasi maggiore è sempre posizionata sul ruolo dei freelancer. In quanto datore di lavoro, tu avrai un’importanza secondaria.

Come faccio a saperlo? Perché mi sono iscritta come datore di lavoro, e non ho fatto altro che riscontrare un problema dopo l’altro. Sembrava quasi che FlexJobs non volesse proprio farmi iscrivere (continua a leggere per capire di cosa stia parlando). In sintesi, non è stata un’impresa facile… E nemmeno economica : per pubblicare dei lavori e trovare dei candidati, infatti, dovrai pagare un costo annuale o mensile.

Se hai una piccola attività, dovresti fermarti qui. Esistono modi decisamente più semplici, migliori e più economici per ingaggiare dei talenti freelancer. Un esempio è Fiverr, sul quale potrai ingaggiare dei freelancer a partire da soli $5.

Caratteristiche

4.0

Cinque pubblicazioni di lavori gratuite

Pensa a queste pubblicazioni come ad una situazione “prova prima di acquistare”. FlexJobs sa che il pagamento di un’iscrizione mensile o annuale rappresenta un impegno non da poco, e per questo motivo ti permette di pubblicare fino a cinque lavori sul suo database senza dover sostenere costi aggiuntivi.

FlexJobs
Pubblica il tuo lavoro, il Team di Revisione deciderà se si conforma ai suoi standard

Se potrai offrire tutte le informazioni necessarie potrai inviare una proposta di lavoro affinché venga revisionata, ma le linee guida sono piuttosto rigide. Se non dovessi soddisfare anche solo uno dei criteri, come lo stesso sito dichiara, “il tuo lavoro non verrà pubblicato”. Ottimo.

Per poter pubblicare un lavoro, questo deve essere già pubblicato da un’altra parte: il sito web della tua società, un altro sito ad hoc come LinkedIn o Monster (ma non UpWork, Craigslist o Twitter, a quanto pare). In pratica, dovrà essere visibile e attivo in modo che FlexJobs possa assicurarsi che sia un ruolo legittimo secondo i loro standard.

A me sembra proprio che la maggior parte del lavoro sia a carico tuo: se hai già creato e pubblicato questo lavoro su un altro sito, perché mai dovresti pubblicarlo anche su FlexJobs? È certamente una procedura intricata ma, ad essere onesti, a questo stadio è ancora gratuita. Se scoprirai che FlexJobs non fa per te, almeno non avrai speso soldi per niente.

Accedi ad un bacino di talenti nuovo e particolare

Come ho già detto, FlexJobs si vanta di poterti aiutare a raggiungere gruppi di canditati ancora nuovi e non sfruttati ai quali non hai mai avuto accesso prima. Sul sito troverai i soliti candidati “mainstream”, ma molti dei lavoratori presenti cercano la flessibilità lavorativa per dei motivi specifici.

Se sei arrivato su FlexJobs starai probabilmente cercando delle persone che lavorino da remoto, e su questo sito troverai questi gruppi di persone che vogliono lavorare da remoto con te:

  • Madri lavoratrici (apparentemente, il sito non è fan dei padri lavoratori)
  • Millennial
  • Coniugi di persone che, per lavoro, si devono trasferire spesso
  • Freelancer
  • Nomadi digitali
  • Pensionati
  • Lavoratori rurali
  • Persone con disabilità
  • Persone che devono assistere individui che necessitano di cure costanti

Il fatto che queste persone vogliano e abbiano bisogno di lavorare in modo flessibile non significa necessariamente che siano anche brave nel loro campo. Credo comunque che sia fantastico che FlexJobs cerchi di aiutare questi gruppi di persone a trovare una forma di impiego… Ormai i lavori da 8 ore al giorno sono così fuorimoda, no?

L’aspetto positivo di un’iscrizione come datore di lavoro su FlexJobs è che otterrai anche l’accesso illimitato al database dei curriculum, così potrai sfogliare tutti i potenziali candidati presenti secondo le tue preferenze. I candidati non sono sottoposti a tutte le verifiche che devono sorbirsi i datori di lavoro, ma ecco alcune statistiche ottenute da degli studi recenti che FlexJobs ha condotto sui suoi freelancer:

  • L’82% ha un diploma di laurea (il 40% una laurea triennale)
  • Il 73% ha una qualche forma di impiego
  • Il 74% ha già lavorato da remoto, sia in forma part-time che full-time
  • L’81% sono professionisti di livello medio o manageriale

I numeri dicono che i candidati presenti non sono proprio dei novellini anche se, personalmente, preferirei vederli completare un test o fornire delle prove delle loro capacità.

(Anche da freelancer dovrai pagare per poterti iscrivere a FlexJobs, poi potrai aggiungere il tuo curriculum e cercare lavori liberamente. Tutto qui: paga, e sei dentro.)

Infinite risorse per i datori di lavoro

Sotto la sezione Employer Resources (risorse per il datore di lavoro) troverai tantissimi articoli, reportage sugli andamenti del settore e statistiche sul telelavoro per tenerti occupato, e potrai accedere a questi elementi ancora prima di iscriverti. Una volta fatto, poi, avrai a disposizione ancora più elementi: sulla pagina relativa ai prezzi di FlexJobs è infatti riportato che otterrai “articoli stilati da esperti sull’assunzione, la gestione e la cultura del lavoro flessibile e da remoto”, risorse molto interessanti se sei nuovo nel mondo del cosiddetto “smart working”.

FlexJobs
Se il lavoro da remoto è per te una novità, FlexJobs ha tutto ciò che potrebbe servirti per farti una cultura

Metti in pausa il tuo account a seconda delle tue necessità

Visto che dovresti pagare un abbonamento mensile, probabilmente starai pensando: cosa succede se non ho più bisogno di ingaggiare qualcuno? Magari hai trovato il freelancer che fa per te, ma non sai quando potresti dover riavviare la procedura di reclutamento. Per fortuna, FlexJobs ha già pensato a questo aspetto.

Se le tue priorità dovessero cambiare potrai sfruttare l’opzione di mettere in pausa il tuo account fino a 60 giorni, giorni che non verranno conteggiati come facenti parte della tua iscrizione. La data di rinnovo del tuo abbonamento verrà automaticamente rimandata e potrai riattivarla quando vorrai.

Questa opzione è l’ideale per società di grandi dimensioni che tendono ad assumere nuovo personale in massa diverse volte all’anno; ma per le attività più piccole 60 giorni non sono molti. Se non programmi di ingaggiare qualcuno ogni due mesi, faresti meglio a riflettere sulla convenienza di un abbonamento.Consulta l’elenco completo delle funzionalità

Semplicità d’uso

3.0
Gli altri siti di reclutamento si concentrano sui clienti, ovvero sui datori di lavoro che pubblicano lavori. Su FlexJobs, invece, si incentra tutto sul trovare buone offerte di lavoro per chi cerca. Iscriversi sul sito come datore di lavoro alla ricerca di freelancer è un’esperienza particolare, ed ora ti racconterò la mia: il buono, il brutto e l’impossibile inclusi.

Una procedura di iscrizione impossibile

FlexJobs non è per niente facile da usare per un datore di lavoro. Si, l’ho detto. Dovrai faticare parecchio anche solo per arrivare a vedere una lista di candidati, figurati per ingaggiarli. Ho cercato di iscrivermi a FlexJobs come piccola impresa, e sono stata bloccata praticamente ad ogni passaggio del processo.

La pagina di iscrizione aveva un aspetto abbastanza semplice, e mi ha chiesto il mio nome e il mio titolo lavorativo (come previsto). Se non hai un profilo aziendale su LinkedIn, un sito web aziendale ed un indirizzo e-mail connesso a quel dominio, per te sarà game over. Non sono richieste da poco per attività nuove o di piccole dimensioni, e la cosa ha rappresentato una complicazione decisamente inaspettata.

Se la tua attività non ha ancora un sito web, forse è il momento di crearne uno (cosa che avresti comunque dovuto fare, prima o poi). Ma ha senso farlo solo per poterti registrare su FlexJobs? Assolutamente no. Già dalla pagina di iscrizione ho capito che FlexJobs si indirizza alle società di grandi dimensioni, e non al piccolo imprenditore.

FlexJobs
Iscriversi a FlexJobs può diventare difficile, e molto velocemente

Se stai leggendo e stai pensando “Ottimo, queste cose non sono un problema per me”, preparati ad un altro tiro mancino. Quando ho provato a inserire le informazioni per pubblicare un lavoro gratuitamente, ho ricevuto questa risposta via e-mail:

FlexJobs
Recensioni di clienti e datori di lavoro online?! La situazione non fa che peggiorare…

Non solo avrai bisogno di un sito web, di un profilo LinkedIn e di un indirizzo e-mail aziendale, ma anche di un recensioni online di clienti e dipendenti, dichiarazioni della stampa e menzioni da parte di terzi. E non solo di quelli.

Questo livello di identificazione mi sembra decisamente esagerato. Anche se lo scopo è evidentemente proteggere i freelancer da truffe o società fasulle o poco affidabili, i datori di lavoro sul sito non ricevono lo stesso livello di protezione. Quando ho scritto una e-mail a FlexJobs per conoscere la loro politica di valutazione dei freelancer, ho ricevuto la seguente risposta:

FlexJobs
Uno standard per i datori di lavoro, ed un altro (completamente diverso) per i freelancer

Se hai una piccola attività e stai cercando qualcuno da ingaggiare per un lavoro una tantum, o dell’assistenza ad hoc, esistono strade decisamente più semplici da prendere. Io ti consiglierei di rivolgerti ad altre piattaforme per freelancer, come ad esempio Fiverr, dove potrai controllare le valutazione e le recensioni dei clienti precedenti per assicurarti della qualità dei freelancer presenti. Inoltre, la procedura di ingaggio è decisamente più semplice… Per tutti.

Per saperne di più dell’esperienza del mio collega nell’assunzione di freelancer su Fiverr per Website Planet (si, potrai davvero ottenere dei lavori di qualità a prezzi così bassi) leggi la nostra recensione di Fiverr.Scopri se FlexJobs è adatto a te

Assistenza

3.5
Sul sito è presente una pagina FAQ completa dedicata sia ai freelancer che ai datori di lavoro, suddivisa in quattro categorie: Informazioni, Lavori, Assistenza e Fatturazione. Se non riesci a trovare la risposta che cerchi, puoi contattare il “team di servizi per i datori di lavoro”.

Gli orari del team sono dalle 9am-6pm (Mountain Time), dal lunedì al venerdì: non è quindi presente una linea di assistenza disponibile 24 ore su 24, ma presumo che le possibili crisi relative alle nuove assunzioni si verifichino solo durante gli orari di ufficio. Potrai contattare l’assistenza via e-mail (o modulo di contatto online), telefono, o scrivendo una lettera vera e propria spedendola agli uffici in Colorado.

Quando ho dato un’occhiata alla sezione dedicata ai freelancer, ho notato la presenza di una chat live. In seguito sono riuscita a trovare una piccola icona con la scritta “Hai bisogno di aiuto?” in un angolino della schermata per i datori di lavoro, che mi ha riportata ad un modulo in stile chatbot. Non ho trovato altra menzione di una chat live, quindi presumo che questa funzione sia dedicata solo ai freelancer.

FlexJobs
I datori di lavoro possono contattare l’assistenza con telefono, e-mail e posta, ma i freelancer hanno anche la chat live…

Ho inviato una e-mail utilizzando il modulo online e mi è stato detto che avrei ricevuto una risposta “nel giro di poche ore”, nonostante sulla pagina fosse scritto che sarebbe stato necessario un giorno lavorativo. Mentre aspettavo una risposta, ho anche avuto l’opzione di modificare o aggiungere un aggiornamento alla mia domanda nel caso avessi dimenticato qualcosa, aspetto che ho apprezzato.

Avendo dovuto subire un profondo controllo delle credenziali, ho chiesto informazioni sul corrispondente processo relativo ai freelancer. La risposta mi è arrivata mia e-mail nel giro di qualche ora (quindi, da datore di lavoro, non riceverai nessuna risposta immediata) e conteneva un sacco di informazioni che non ho nemmeno richiesto.

FlexJobs
Ho ricevuto una risposta utile con tanti dettagli extra

Volendo testare in modo approfondito le risposte di FlexJobs ho posto un’altra domanda, stavolta utilizzando la chat live disponibile sulla pagina di assistenza dedicata ai freelancer. Ho ricevuto una risposta in tempi simili e, sorpresa! Con lo stesso blocco di testo extra ricevuto prima. Non c’è da meravigliarsi se entrambe le risposte sono finite nella mia cartella spam.

Caro FlexJobs, magari la prossima volta cerca di limitare il copia-incolla.

Confronto

Come FlexJobs si confronta con la concorrenza?

Fiverr Confronta 4.7 Confronta
Guru Confronta 4.4 Confronta
FlexJobs Confronta 3.0 Confronta
PeoplePerHour Confronta 3.0 Confronta

Prezzi

2.0

Un (costoso) abbonamento mensile o annuale

Con FlexJobs potrai scegliere se pagare un costo di abbonamento mensile o se pagare in anticipo per un intero anno risparmiando il 25%.

Se sceglierai di pagare di mese in mese ti ritroverai a dover sborsare quasi $300 al mese per quello che FlexJobs descrive come la sua opzione “low cost”. A mio parere una tale cifra non è di certo da poco, soprattutto se è necessario pagarla ancora prima di aver pubblicato un lavoro ed aver assunto qualcuno. Quindi, cosa riceverai per questa teoricamente “piccola” cifra?

  • Pubblicazione illimitata di lavori – utile, ma solo se devi ingaggiare un sacco di freelancer
  • Report su attività e dati – così potrai vedere le visualizzazioni della pagina, il volume degli applicanti e le tendenze
  • Articoli curati da esperti sull’assunzione da remoto di lavoratori flessibili
  • Ricerche illimitate dei curriculum di candidati – sei qui per questo, no?
  • Risparmio per i membri su risorse per servizi come WeWork e Zoom
  • Assistenza dedicata
  • Profilo personalizzato di datore di lavoro

Sono anche presenti delle migliorie personalizzate nel caso voglia pagare cifre extra per webinar, posizionamenti premium o promozione sui social media dei tuoi lavori. Tutto ciò, però, mi suggerisce che FlexJobs sia colmo di società alla ricerca di freelancer, e che dovrai faticare per far risaltare la tua pubblicazione. Non devi competere per ottenere l’attenzione dei freelancer: dovrebbe essere il contrario.

Cosa succede poi? Una volta che avrai trovato un freelancer, il resto spetta a te: il costo mensile non comprende l’abbinamento con i candidati più adatti, poiché questo lavoro spetta a te. Preparati a diventare uno specialista delle risorse umane!

I costi e i metodi di pagamento dei freelancer sono aperti a negoziazioni, visto che FlexJobs non gestisce il processo di pagamento. Non sono nemmeno presenti informazioni sui costi usuali dei freelancer, cosa che va ad aggravare il già importante costo di abbonamento mensile.

Anche dopo l’aver negoziato il pagamento, dal momento che non è prevista una procedura di valutazione preventiva del freelancer, come farai a sapere che pagare meglio ti farà ottenere lavori migliori? Quando abbiamo messo alla prova Fiverr Pro abbiamo scoperto che pagare di più per il design di un logo non ci ha fatto ottenere risultati migliori, e lo dico in senso positivo: pagare di meno ci ha fornito risultati migliori. Potrai capire cosa intendo leggendo qui:

Se hai un budget limitato, leggi la nostra recensione dell’esperto su Fiverr prima di prendere un impegno con FlexJobs.

Nel caso decidessi di iscriverti a FlexJobs e non fossi completamente soddisfatto, FlexJobs ti offrirà un rimborso completo entro sette giorni a partire dall’inizio della tua sottoscrizione. Potrai semplicemente cancellare l’iscrizione dalle impostazioni del tuo account e contattare il servizio clienti per richiedere un rimborso. Dopo sette giorni, dovrai nuovamente ricominciare dal punto di partenza.

FlexJobs accetta Visa, American Express, Mastercard e Discover. Potrai anche optare per PayPal o assegni aziendali, ma per avvalerti di questi metodi dovrai contattare il servizio di Assistenza Clienti.

Recensioni degli utenti

Sii il primo utente a lasciare una recensione su FlexJobs in italiano!
Scrivi una recensione

Risultato finale di FlexJobs

FlexJobs non ti permetterà di ottenere gli stessi risultati ai quali potresti arrivare con altri siti per freelancer: il suo focus è sull’ottenere i lavori migliori per la sua rete di freelancer e, anche se è ottimo per chi cerca lavori, non è proprio il massimo per chi intende ingaggiare qualcuno. Se cerchi una piattaforma che renda questo processo più facile ed inclusivo per tutti, dovresti dare un’occhiata a Fiverr.

Emily Adams
Emily Adams
Emily Adams is a freelance writer and editor with a background in content marketing. She's done a bit of everything, working across social, print, digital and email campaigns for a number of clients from Skyscanner to American Express.

FlexJobs Alternative

1573868