1. Website Planet
  2. >
  3. Blog
  4. >
  5. L’Anatomia di una Buona Landing Page

L’Anatomia di una Buona Landing Page

Mark Holden
Mark Holden
38
13 Dicembre 2018

Seth Godin, il re del marketing, dice bene quando afferma che “Le landing page sono il nuovo direct marketing, e chiunque possieda un sito web è un direct marketer”. D’altra parte, le landing page sono spesso il primo contatto tra un’azienda e il proprio pubblico, il che rende queste pagine uno strumento incredibilmente prezioso, se sono ben fatte.

Dunque, cosa rende buona una landing page? Cos’è che ne rende una di successo, cosa ne fa fallire un’altra? Come possono le aziende costruire una landing page che fornisca la migliore opportunità per convertire potenziali lead? Analizziamo approfonditamente l’anatomia di una landing page in modo da separare gli elementi importanti da quelli meno essenziali. Alla fine di questo articolo, ogni persona o azienda avrà gli strumenti necessari per creare la landing page vincente.

Elementi Fondamentali di una Landing Page

Prima di iniziare il processo di design, è importante identificare i fattori chiave, come gli obiettivi, le metriche e il pubblico. È anche essenziale sapere da dove arriverà il traffico online in quanto aree diverse spesso necessitano di messaggistica diversa, la quale si rivolge spesso a un pubblico diverso. Dopo aver identificato questi elementi fondamentali, è il momento di iniziare con il progetto. Tenete in mente le seguenti idee durante questa fase di sviluppo:

Create un Titolo Magico

Le landing page devono attirare e mantenere l’attenzione. Uno dei modi più semplici per farlo è avere un titolo accattivante. I titoli sono spesso la prima cosa che viene visualizzata dalla gente, dunque devono trasmettere dei messaggi chiari, invitanti e onesti al pubblico.

I titoli che contengono false promesse o iperboli servono soltanto a deludere i visitatori e ad aumentare i bounce rate (frequenze di rimbalzo). Invece, focalizzatevi sui punti di forza o di differenziazione del prodotto. I titoli più efficaci sono chiari, informativi e convincenti. Un buon metodo per attirare i lettori è quello di rivolgersi ai loro punti dolenti: a quale problema – reale o immaginario – si rivolge il prodotto o il servizio? Che soluzione o prospettiva unica offre? Dove sono i benefici e il valore aggiunto?

I titoli delle landing page – così come quelli di tutti i siti web – dovrebbero essere perfetti. Nessuna eccezione. Errori ortografici o grammaticali potrebbero rappresentare il suicidio della conversione. Si tratta del modo più veloce di dissolvere ogni tipo di fiducia, la quale è essenziale nel momento in cui la landing page chiede agli utenti di fornire qualsiasi tipo di informazione personale. I titoli devono anche essere coerenti con il tono e il tipo di messaggistica stabiliti, altrimenti si rischia di confondere il pubblico e di indebolire l’immagine del brand.

Evitate l’Ansia da Prestazione della CTA

La CTA (call to action) è probabilmente l’elemento più importante di una landing page. Dice alle persone cosa fare e li conduce al passo successivo del processo della conversione. Detto questo, si tratta del momento in cui il pubblico tende ad abbandonare la pagina, per questo è essenziale analizzare e comprendere i diversi elementi che contribuiscono al successo o al fallimento. Consideriamo gli errori peggiori commessi più comunemente:

  • Troppo confusionarie: La CTA dovrebbe distinguersi dal resto della pagina. Troppo spesso i designer caricano delle landing page così disordinate che le CTA si perdono del tutto. (Altro su questo argomento tra un minuto)
  • Troppo piatte: Allo stesso modo, gli imprenditori a volte creano dei pulsanti insignificanti che si perdono persino tra le pagine più basilari. Scegliete colori audaci, misure più d’effetto o forme interessanti per catturare e mantenere l’attenzione. L’arancione e il giallo hanno ripetutamente superato in prestazioni gli altri colori nei test A/B, tuttavia dipende dal settore. Il blu, per esempio, crea un sentimento di sicurezza e di fiducia, perciò una banca potrebbe avere più successo con questa gamma di colori, mentre il viola è un colore più rilassante, quindi una spa o un prodotto anti-età potrebbero optare per queste tonalità.
  • Troppo basse: Un altro errore notato troppo spesso su tutte le landing page è quello di posizionare la CTA troppo in basso nella pagina. La CTA dovrebbe essere piazzata nella parte superiore, così i lettori non devono scorrere fino in fondo per scoprire la loro mossa successiva.
  • Troppo generiche: Evitate le CTA che non sono interessanti per il vostro pubblico. “Clicca qui” è una CTA deludente che non va a motivare nessuno a fare il passo successivo. Le CTA hanno bisogno di infondere un senso di urgenza e necessità che porti un individuo a fare clic. Utilizzate qualsiasi dato disponibile dei clienti per determinare le migliori parole chiave o parole d’azione per un pubblico specifico. “Ottenete gratuitamente le risposte” è convincente se si tratta di un sito di giochi, ma probabilmente non funzionerebbe per un sito di consulenza finanziaria. Tenete in considerazione il pubblico e cosa possa motivarlo.

L’Anatomia di una Buona Landing Page

Tenete a Mente il Design

Una landing page è come un’immagine: se non è attraente, le persone non restano lì a guardarla. In generale, alle persone piacciono le pagine web con design semplici e ordinati. Troppi elementi alla ricerca dell’attenzione di un individuo possono risultare fastidiosi e potrebbero portare a bounce rate più alti. In poche parole, mettete da parte le distrazioni e mantenete le cose chiare, pulite e semplici.

Un elemento di design che è particolarmente importante da considerare nelle landing page è il numero di hyperlink. Troppi link distraggono i lead dall’obiettivo generale della landing page. Assicuratevi che la landing page rimandi a una specifica azione, pagina o obiettivo per ottenere dei risultati ottimali.

Aggiungete interesse visivo e interattività alla landing page incorporando video e immagini, non soltanto quelli che fanno riferimento al prodotto o al servizio. Questo non solo catturerà l’attenzione dei visitatori, ma li incoraggerà anche a saperne di più sull’azienda o sul prodotto, e li guiderà attraverso il percorso di vendita.

Scoprite qui i migliori builder per landing page!

L’Anatomia di una Buona Landing Page

Incorporate Elementi di Fiducia

Aggiungere un elemento di fiducia alla landing page è un modo fantastico per infondere fiducia nel brand. In uno studio, ACLens ha inserito il simbolo della VeriSign sulla propria landing page e ha visto un immediato aumento della conversione del 41%, con un aumento del 58% di entrate per transazione. Nonostante sia importante mantenere l’homepage quanto più pulita e leggibile, a volte una piccola icona può fare una differenza significativa.

Sviluppate Diverse Versioni

Un grande errore che fanno tutte le aziende troppo spesso è quello di cercare di inserire nella landing page troppe cose diverse. Il risultato è un totale disordine che appare poco invogliante, confuso e difficile da navigare. E tutto ciò, a essere onesti, è una perdita di tempo. Coloro che prendono sul serio i tassi di conversione dovrebbero creare una landing page dedicata per ogni sottosezione, categoria e prodotto sul loro sito per un aspetto più elegante e una navigazione più intuitiva.

Gli Elementi Non Tanto Importanti

Abbiamo elencato gli elementi più importanti di una landing page di successo, ma è anche essenziale evitare elementi che sembrano importanti ma che in realtà non lo sono. Molte aziende dedicano troppa attenzione ai seguenti elementi, quando in realtà dovrebbero concentrare le loro energie sul creare CTA forti e sul miglioramento della navigazione del cliente.

  • Lunghezza: In generale, il contenuto più corto è ottimo per gli acquisti impulsivi o per le decisioni veloci, mentre le landing page più lunghe aiutano un processo decisionale più complesso – ma non è sempre così. Le landing page più efficaci si concentrano maggiormente sul dare ai clienti ciò che vogliono e meno sul conteggio delle parole o sulla lunghezza della pagina.
  • Iscrizioni: Quando si prova ad aumentare il numero di iscritti, una verifica preliminare della casella di registrazione potrebbe sembrare una mossa ovvia. Tuttavia, è in realtà meglio lasciare la casella non verificata e lasciare alle parti interessate la libertà di decidere se e quando iscriversi. Questo assicura dei lead qualificati e interessati.
  • Raccolta di Informazioni: I venditori cercano sempre di raccogliere quante più informazioni possibili sui lead, ma questo processo può a volte comportare più danni che benefici. È in realtà più importante essere concisi piuttosto che raccogliere tutti i dettagli possibili su un cliente, il che può essere decisamente frustrante e portare a un’interruzione del processo di conversione.

L’Anatomia di una Buona Landing Page

Prova, Prova, 1, 2, 3

Un fatto frequente nel processo di costruzione di una landing page – che molte aziende dimenticano di prendere in considerazione – si verifica dopo l’avvio della pagina stessa. Il lavoro non è concluso una volta che la pagina viene pubblicata; di fatto, le decisioni più importanti sono spesso quelle che si prendono successivamente. Al fine di massimizzare la conversione delle landing page, è importante raccogliere quante più informazioni possibili durante il processo.

Come si fa? Facendo dei test! Una volta che la pagina è stata pubblicata, lasciate che raccolga dati sulla conversione, sui bounce rate, sui click, ecc. Allo stesso tempo, fate dei test su altre landing page simili per vedere quali elementi sono i più importanti nella conversione. La regola d’oro dei test A/B è quella di fare dei piccoli cambiamenti. Se la pagina viene troppo alterata, sarà impossibile verificare quali elementi la rendono più o meno di successo. Dunque, modificate la landing page a poco a poco, fate dei test e imparate.

Fate dei test frequentemente e continuamente. Questo è il modo per raccogliere la maggior parte delle informazioni e, alla fine, apportate le modifiche necessarie per assicurarvi che le landing page siano più efficaci possibili.

Create Landing Page che Funzionano

Mentre ogni settore, anche di nicchia, e azienda ha il proprio insieme di regole per creare delle campagne di successo, ci sono un paio di regole essenziali che si applicano a tutte le landing page. Concentrandosi su questi elementi importanti, le persone e le aziende saranno in grado di creare le landing page più efficaci per il proprio pubblico specifico. Di sicuro saranno necessari tempo e impegno, ma il guadagno potrebbe essere enorme.

38 applausi
Applaudi il post se lo hai trovato utile!

Hai qualche commento da fare?

0 su almeno 100 caratteri
Pflichtfeld Maximal length of comment is equal 80000 chars La lunghezza minima del commento è di 100 caratteri

Controlliamo tutti i commenti degli utenti nel giro di 48 ore, per assicurarci che provengano da persone reali come te. Siamo lieti che questo articolo ti sia stato utile e apprezzeremmo davvero se spargessi in giro la voce.

Condividi subito questo post con amici e colleghi:

We check all comments within 48 hours to make sure they're from real users like you. In the meantime, you can share your comment with others to let more people know what you think.

Una volta al mese riceverai interessanti suggerimenti, trucchi e consigli dettagliati per migliorare le prestazioni del tuo sito web e raggiungere i tuoi obiettivi di digital marketing!

Sono davvero felice che ti piaccia!

Condividi con i tuoi amici!

© 2019 WebsitePlanet.com. Tutti i diritti riservati.